Il trasformista

bianchi.jpg Moet chandon a fiumi nelle sedi italiane del Pdci, alla notizia che il Magnifico Ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, ha deciso di abbandonare la nave rossa per salire a bordo del transatlantico che come targa ha Pd.

Chissà come saranno contenti Veltroni e compagni…

Dopo essere stato scazzottato in tutti i Congressi d’Italia del Pdci, l’ex Rettore della Mediterranea ha deciso quindi di togliere il disturbo (mai espressione fu più azzeccata). Ennesimo gesto poco carino da parte del Ministro (ancora per poco, ringraziando Dio). Arrivato da lui che, candidato alle elezioni del 9-10 aprile 2006 nella lista PdCI-Verdi, e non eletto, riuscì ad accomodarsi sulla scialuppa, e che scialuppa, di salvataggio del Ministero dei Trasporti, grazie alla segnalazione proprio del PdCI. Arrivato da lui che ebbe modo di affermare: “Quando sono sorti i Comunisti italiani, dopo il trauma della caduta di Prodi, vi ho ritrovato i segni della tradizione del PCI”.

Adesso Prodi è caduto un’altra volta (ma allora è un vizio!), ma, mentre i reggini lo hanno fatto con somma disperazione da un pezzo, la barbetta più antipatica d’Italia non vuole rassegnarsi all’idea di dover tornare a Reggio da “semplice” professore universitario.

Da sempre abbonato all’ultima posizione nelle classifiche di gradimento dei Ministri, per Bianchi, l’esponente più fallimentare dell’altrettanto fallimentare Governo Prodi, si aprono adesso le porte del Pd.

Una volta chiuse, però, speriamo che qualcuno getti via la chiave.

Annunci

Una Risposta to “Il trasformista”

  1. vittorio Says:

    Comunista, romano, che con troppa facilità ha colonizzato l’università reggina, creando un sistema di potere inespugnabile.
    Ricordo che , nella sua prima intervista da ministro al corsera, raccontò di essersi emozionato ,dopo anni, ascoltando in quel de la havana il discorso del lider maximo.
    mi viene da ridere.
    Più in generale, dico che il PD , che si propone di essere nuovo, non intende affatto abbandonare quel vecchio sistema burocratico istiuzionale ereditato dalla culutuira DS.
    i DEMOCRATICI continuano ad occupare, senza alcuna novità, tutti i fori del polere, in primis le università (reggio, cosenza e messina etc.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: