Esiste un solo Onnipotente

Tralasciando quella criminale che vive di regole al di fuori da ogni mia concezione, credo che nella società civile ogni lavoratore, indipendentemente dalla categoria a cui appartiene, se sbaglia debba essere punito, più o meno severamente a seconda dell’errore commesso.

I fatti però mi hanno portato a individuare due categorie di intoccabili.

La prima è quella dei giudici.

Lungi da me assumere posizioni poco onorevoli nei confronti dei magistrati come quelle ripetute continuamente da Berlusconi: stimo molto alcuni giudici, soprattutto quelli impegnati nella lotta contro le mafie, ma per esprimere la mia posizione farò parlare i fatti.

Mi limiterò ad alcune citazioni per non tediare i lettori:

1) caso Pacenza. Il consigliere regionale dei Ds viene arrestato come un ladro in una località turistica davanti agli occhi increduli e sconcertati (per usare un eufemismo) della famiglia. Successivamente verrà scarcerato. Sì, però gli hanno chiesto scusa

2) caso Sarra. Il consigliere regionale di An è attualmente iscritto nel registro degli indagati per voto di scambio. La Procura Generale di Reggio Calabria è stata però costretta ad avocare l’inchiesta al pm che seguiva il caso reo (o lui o il suo ufficio, poco cambia) di non aver tenuto la bocca cucita spifferando tutto ad alcuni organi di stampa.

3) caso Riina. Il figlio di Totò u curtu viene scarcerato per decorrenza dei termini e ritorna a piede libero passeggiando per le strade di Corleone schiaffeggiando moralmente lo Stato nonchè tutti i cittadini onesti.

4) caso Gela. Il giudice Edi Pinatto impiega otto anni per depositare le motivazioni della sentenza con cui il tribunale di Gela aveva condannato sette componenti del clan Madonia.

Cosa è accaduto a tutti questi giudici?

Un cazzo.

Per l’ultimo caso da me citato, proprio ieri il Csm (organo indipendente della magistratura…)  ha bocciato la richiesta del Guardasigilli di sospendere il giudice.

Giudici… Qualcuno getta in gattabuia chi non merita di starci, qualcun altro non è capace di gettare la chiave per chi dovrebbe marcire in carcere.

E l’unico a pagare resta sempre De Magistris, che in passato ho difeso tenacemente ma che adesso, francamente, mi sembra indifendibile.

La seconda categoria è quella dei giornalisti. E lo dico contro i miei interessi.

Mi sto dilungando troppo per cui faccio un solo esempio.

Marco “so tutto io” Travaglio.

Una delle vittime preferite del giornalista dal discutibilissimo vestiario è Marcello Dell’Utri, senatore FI, condannato in primo grado a nove anni per associazione mafiosa. Ora, che Dell’Utri possa venire mai assolto, appare piuttosto difficile (in un Paese normale sarebbe quasi impossibile), ma poniamo il caso che avvenga un miracolo: Appello, Cassazione e Marcellino assolto.

Cosa ne sarà allora di Marcuccio Travaglio che in una delle ultime puntate di Annozero ha detto di essere meno vergognosa la posizione di Sergio D’Elia, ex terrorista di Prima Linea, condannato in via definitiva per omicidio (eletto alla Camera dei Deputati in seguito ad una sentenza del 2000 del tribunale di Roma, che gli ha cancellato le pene accessorie, rendendolo eleggibile), rispetto a quella di Dell’Utri?

Un cazzo.

Esiste un solo Onnipotente, ma giudici e giornalisti sembrano essersi autoconvinti del contrario.

Il dramma è che hanno convinto anche una discreta parte della popolazione italiana.

Annunci

2 Risposte to “Esiste un solo Onnipotente”

  1. vittorio Says:

    I giudici sono soggetti solo alla legge.
    il problema è l esistenza di un sistema normativo elefantiaco e per molti versi paradossale.
    la responsabilità civile sarebbe un ottimo rimedio

  2. accanita sua lettrice Says:

    Mi permetto di segnalarle , pur condividendo in linea di massima le sue considerazioni, che le categorie di intoccabili sono probabilmente molto più di due. sui medici lei non ha nulla da dire?? siamo di fronte ad un esercito di incompetenti nel migliore dei casi e di criminali purtroppo nella MAGGIOR parte dei casi. il grido d’accusa dell’opinione pubblica e dei giornalisti come lei anche a livello locale è troppo flebile!! preciso solo che anche nella mia famiglia ci sn professionisti nel campo medico onde evitare fraintendimenti, vorrei però come sua lettrice che anche su questo argomento lei ci proponesse una sua riflessione. Distinti saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: