Un genio, due compari e un pollo

Ci sono storie, favole, che non hanno un lieto fine.

Quella che si è consumata ieri è la storia in cui c’è un genio (Silvio Berlusconi), ci sono due compari (la destra e la sinistra) e un pollo (Walter Veltroni).

Il genio è Silvio Berlusconi perchè, nonostante una campagna elettorale in sordina, nonostante i commenti negativi degli ex alleati (vedi Casini) è riuscito a farsi incoronare per la terza volta sovrano d’Italia. Uno stratega, una volpe in grado di scegliere bene e al momento giusto quando sfanculare Casini, ma anche fascisti e fascistelli assortiti.

I due compari sono la destra e la sinistra, fuori dal Parlamento dopo decenni. E se per La Destra targata Santanchè-Storace era abbastanza prevedibile, è davvero sorprendente il non risultato ottenuto dalla Sinistra Arcobaleno. Aver tirato per venti mesi la volata a Prodi, esser rimasti incollati alle poltrone per un pugno di dollari, aver cestinato senza vergogna falce e martello è evidentemente apparso troppo grave anche ai più incalliti bolscevichi che hanno voltato le spalle al dimissionario Bertinotti. A dire il vero mi dispiace un po’: vedere fuori dal Parlamento gente come Caruso e Luxuria mi preoccupa moltissimo perchè non oso immaginare cosa potrebbero combinare per le strade e nei night, beh, arrivederci compagni.

Il pollo, nonostante il mio ribadito apprezzamento per la campagna elettorale svolta, è Walter Veltroni che, come dicevo in apertura, non è riuscito a dare alla sua favola di rinnovamento, di rimonta, il lieto fine che si aspettava. Paga colpe non sue, probabilmente, paga l’incapacità del Governo Prodi con il quale, al di là dell’addio alla sinistra estrema, non è riuscito a segnare una netta discontinuità (basti pensare l’orrida annessione del Pd del Magnifico Ministro Alessandro Bianchi). Ricorderà questa campagna elettorale come la volta in cui è quasi riuscito a battere Re Silvio Berlusconi.

A proposito di Berlusconi: in bocca al lupo a lui e al suo futuro Esecutivo, ma solo perchè, per traslato, l’in bocca al lupo va all’Italia intera.

Annunci

3 Risposte to “Un genio, due compari e un pollo”

  1. vincenzo Says:

    quanto è simpatico lei!che battute esilaranti!mi congratulo e la ringrazio perchè almeno mi fa morire dal ridere!piccola precisazione: l’italia è una Repubblica quindi berlusconi nn può essere re di niente

  2. cervello pensante Says:

    che riflessioni inutili, spero vivamente che tu stia scherzando

  3. fabiuccio Says:

    confesso ke è la prima volta ke guardo il tuo blog però devo dire ke condivido tutto quello ke dici. e anzi aggiungo ke forse tu scherzi in molti punti ma personalmente penso che berlusconi ci potrà cacciare fuori da parecchi guai. comunque complimenti, ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: