C come commissione

Il Consiglio Comunale di Reggio Calabria ha approvato all’unanimità l’istituzione della commissione d’indagine che dovrebbe accertare se esistono o meno irregolarità in seno agli uffici comunali che si occupano di Pianificazione territoriale, Lavori pubblici e Manutenzione. A parte le pretese un po’ altisonanti del coordinatore (non chiamatelo presidente che s’arrabbia) Nuccio Barillà che ha citato, nientepopodimeno che Giovanni Falcone, ho assistito a una seduta alla valeriana, dove anche i più esagitati, come il sempiternamente incazzato Massimo Canale, hanno limitato le escandescenze a qualche smorfia plateale, mentre il sindaco Scopelliti continuava a sonnecchiare svegliandosi solo per prendere per il culo qualcuno o per rispondere al cellulare.

Alla fine, però, tutti d’accordo per dimostrare che all’interno della “cosa pubblica” reggina non esistono mazzettisti di professione oppure che, se ne esistono, questi verranno “severamente perseguiti”.

Le indagini dureranno 120 giorni, al termine dei quali non verrà riscontrato nulla.

Tranne l’inutilità della commissione, naturalmente.

Annunci

Tag: , , , , , ,

Una Risposta to “C come commissione”

  1. La Commissione d’indagine rischia il naufragio; ma la città merita delle spiegazioni « Claudio Cordova - Blog Reggio Calabria Says:

    […] Della Commissione d’indagine di Palazzo San Giorgio avevo già parlato qui. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: