Luigi Rende, un uomo

Faceva caldo un anno fa.

Faceva caldo come fa caldo oggi, ma, quel primo agosto di un anno fa non era giorno normale, non era soltanto una mattina afosa, incastonata nel cuore della stagione estiva.

In quel primo agosto, esattamente 365 giorni fa, succede una cosa.

Una cosa brutta.

Luigi Rende è un ragazzo di 31 anni, ha da poco salutato la moglie Angela e la bimba di appena due anni, Sharon: quella è la sua prima mattina di lavoro, di ritorno dalle ferie. Fa il vigilante, il suo compito è quello di assicurarsi che il portavalori della Sicurtrasport che gli è stato affidato depositi regolarmente il proprio carico presso l’ufficio postale di via Ecce Homo, nella zona sud della città, a pochi metri dallo stadio “Granillo”: è un compito delicato, anche se può sembrare solo un’operazione di routine.

Il silenzio di quella mattina estiva viene spezzato ben presto: attaccano in sei, vogliono i soldi e pensano di ottenerli senza alcun problema.

Si sbagliano.

Luigi Rende apre il fuoco, il suo compito è quello di difendere il portavalori e ha tutta l’intenzione di portarlo avanti fino in fondo. Tre banditi vengono feriti, ma la lotta è impari: ad aiutare Luigi c’è solo il collega Nino Siclari. Nonostante ciò il commando, decimato, è costretto alla fuga, ma uno dei banditi, nel conflitto a fuoco, colpisce a morte Luigi che si accascia sul sedile del furgone: la rapina fallisce, ma il prezzo che paga la famiglia è altissimo.

La notizia si diffonde, a macchia d’olio, in tutta la città: monta la rabbia. Reggio Calabria, come sempre nelle situazioni critiche, rompe l’indifferenza che troppo spesso la contraddistingue e mostra il proprio vero volto, fatto di orgoglio e umanità. Pochi giorni dopo, ai funerali di Luigi Rende, un bagno di folla abbraccia, per l’ultima volta, il proprio eroe: ci sono tutte le autorità, ma, soprattutto, c’è tanta gente. Anche chi non conosceva Luigi non può perdere l’occasione di essere vicino alla famiglia, straziata dal dolore, di salutare un ragazzo di 31 anni, un uomo, che ha sacrificato il proprio, splendido, futuro nel nome del coraggio, dando un calcio al lassismo e alla collusione a Reggio Calabria, proprio qui dove “non arrivano gli angeli”.

E’ trascorso un anno dalla tragedia, ma è impossibile dimenticare: ai funerali l’atmosfera è da brividi: qualcuno piange, qualcun altro applaude, c’è chi deposita fiori e chi resta in silenzio.

Ma sono tutti lì per dire a Luigi quella parola, forse banale, che però vale più di tanti discorsi: “Grazie”.

Annunci

Tag: ,

Una Risposta to “Luigi Rende, un uomo”

  1. Centro Studi Sicurezza Says:

    Vorremmo ringraziare sentitamente la Vs. Redazione per aver pubblicato un articolo relativo al collega deceduto a seguito di un attacco malavitoso al blindato sul quale era a bordo. Sono la segretaria generale dell’associazione Centro Studi Sicurezza, associazione tra le più attive nel settore della vigilanza, purtroppo conosciamo bene i problemi ed i limiti che alcune lobby hanno dato alla nostra categoria che nel comparto della sicurezza conta ben 54.000 unità. Unità tanto scomode ma che allo stesso Stato conviene lasciare in una situazione lavorativa e professionale sconvolgente, pari forse a paesi del 3° mondo. Sul caso Rende abbiamo coinvolto a livello politico anche l’On. Grimoldi che su nostro consiglio fece un’ interrogazione parlamentare a risposta scritta che, da quello che ci risulta non ebbe risposta da parte del Governo precedente. Rende purtroppo resta uno dei tanti colleghi che ci hanno lasciati per colpa di una semplice legge che, a causa dei troppi interessi monetari e politici non viene approvata. Proprio per denunciare questo status abbiamo fatto un video per smuovere le coscienze dei potenti, nel quale vi è anche il collega Luigi.

    http://it.youtube.com/watch?v=F3Ic-aiqfLk&eurl=http://centrostudisicurezza.splinder.com/

    Grazie per l’attenzione

    Alessandra Tortini
    Segretaria generale
    Ass. Centro Studi Sicurezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: