Ecco il rilancio di Piazza Sant’Agostino

Da www.strill.it


di Claudio Cordova – Lo scorso 21 agosto strill.it pubblicava una nota del consigliere di Forza Italia alla Prima Circoscrizione “Centro Storico”, Nuccio Pizzimenti, nella quale, dopo il grande successo della rassegna teatrale in vernacolo, veniva elogiata l’opera di rilancio di Piazza Sant’Agostino da parte dell’assessore Enzo Sidari, e, di conseguenza, di tutta l’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria. Secondo il consigliere di circoscrizione, per completare la riqualificazione della piazza, si dovrebbe procedere all’abbattimento del chiosco abusivo, chiuso da anni ormai, e allo sgombero di “quanti bivaccano impunemente” in quell’area.

Va bene, ma c’è di più.

Il chiosco abusivo che forniva un servizio di ristorazione tramite la vendita di bibite e cibarie di diverso tipo è chiuso da circa tre anni e la sua presenza non è di certo il male maggiore della piazza, posta nel cuore della città a cinquecento metri dalla Cattedrale, a un chilometro dal pregiato Palazzo San Giorgio e a cinquanta metri dalla Questura.

Come documentano le foto (nelle quali sono stati oscurati i volti, nel pieno rispetto delle leggi), in quell’area, al centro della città, imperversa il degrado: immondizia nelle aiuole, panchine sommerse da resti di cibo, lampioni non funzionanti o completamente demoliti; senza tetto che, giorno e notte, usano la piazza come luogo per dormire. E anche il palco, adoperato per la rassegna teatrale in vernacolo, tuttora in piedi, è diventato adesso un letto per qualche sfortunato senza una dimora fissa e dignitosa. 
                                             
     

     

E, in questo contesto di degrado, l’Amministrazione Comunale ci mette del suo: la pulizia dell’area è sempre più diradata, mentre della disinfestazione si sono perse le tracce. Una situazione che ha obbligato alcune cittadine della zona a provvedere, autonomamente, armate di scopa e paletta, alla ciclica “bonifica” della piazza. Ma la buona volontà in questo caso non basta.

E se la responsabilità del degrado e dell’incuria in cui versa la piazza ricade sull’Amministrazione Comunale, qualche “rimprovero” se lo merita anche la polizia, che, come detto, ha la propria sede, la Questura, a un tiro di schioppo dall’area in questione: fin troppo facile operare, di tanto in tanto, un controllo.

Piazza Sant’Agostino è, tuttavia, terra di conquista per un massiccio numero di donne, soprattutto dell’Europa dell’est che, per pochi spiccioli, adescano uomini, soprattutto anziani, la maggior parte dei quali con la fede al dito. Si tratta, in massima parte, di cittadine straniere che il giovedì e la domenica, giorni non lavorativi, arrotondano i propri stipendi, trascorrendo l’intero pomeriggio sedute sulle panchine della piazza, in attesa che qualche uomo si avvicini… Un viavai incessante, soprattutto nelle prime ore del pomeriggio.

  

  

Si tratta di una situazione dequalificante per l’intera area, che va avanti non da un giorno, non da una settimana, non da un mese. E’, infatti, un problema annoso che, tempo fa, un gruppo di cittadini era riuscito ad allontanare tramite una raccolta di firme.

Ma i problemi, si sa, a volte ritornano mentre altre volte non vanno mai via.

E mentre Amministrazione Comunale e Polizia di Stato dovrebbero fare un “pit-stop” dietro la lavagna, quel che certo è che, vista la situazione dell’area, dovranno cambiare tante, tantissime, cose per associare a Piazza Sant’Agostino la parola “rilancio”.

Annunci

Tag: , , , , , , ,

6 Risposte to “Ecco il rilancio di Piazza Sant’Agostino”

  1. mascal Says:

    Ma hai fatto anche foto hard??? 🙂

  2. Pitos Says:

    Ciao Cla… ottimo pezzo davvero. Ben scritto e per nulla banale o scontato. Informazione equilibrata, critica al punto giusto e soprattutto senza offese (come molte spesso capita a chi si fa prendere un po’ la mano dall’entusiasmo giovanile). Ciao, domal.

  3. vittoriodelfo Says:

    Vi è un’invasione in corso da parecchi anni. Un flusso lento e dirompente che ,partito dalla stazione, invade il centro storico della città.
    Per chi, come me, da bambino ha giocato e si è distrutto le ginocchia in questa piazza , il tutto è sconfortante.
    Mi permetto di associare il graduale aumento di criminalità della zona all’abbandono, da parte dell’esercito, delle strutture della Caserma Mezzacapo.

  4. Vincenza Says:

    Bell’articolo davvero e ben documentato. Speriamo che serva a svegliare l’amministrazione..del resto non c’è scritto altro se non la pura realtà dei fatti..

  5. Pasquale De Marte Says:

    Dopo questo servizio, che fa il paio con quello di Ciccio nascosto dietro il cespuglio, dovremo dire al direttore di dotarci di una tuta mimetica per ottemperare al nostro lavoro.

  6. Re(d) - evolution « L’Impiccione Viaggiatore Says:

    […] non parlare delle zone ormai risapute come Piazza Sant’Agostino o Rione Ferrovieri, luogo di approdo e deriva di clienti e dispensatrici di “bene”. È […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: