Non sempre si può perdere

Questa volta Luigi De Magistris ha vinto.

Il Tribunale della liberta’ di Catanzaro ha infatti rigettato il ricorso per l’annullamento del decreto di perquisizione e sequestro nei confronti di Antonio Saladino, il principale indagato dell’inchiesta Why not che un tempo era sul tavolo dell’ex sostituto procuratore di Catanzaro.

La perquisizione disposta da De Magistris era ed è legittima.

La difesa di Saladino sosteneva invece che il decreto fosse nullo non essendo configurabile il reato di corruzione elettorale contestato all’indagato che è infatti accusato di aver concesso, durante la campagna elettorale per le regionali del 2005, un contributo economico al Presidente della Regione, Agazio Loiero, che, secondo la difesa, all’epoca dei fatti non era pubblico ufficiale.

De Magistris ha vinto. Ha vinto e la sua è una vittoria importante ai fini dell’inchiesta; non conta nulla, invece, per il destino dell’ex pm.

Una cosa simile accade, di tanto in tanto, nel calcio: una squadra già retrocessa matematicamente va ad espugnare il campo di una concorrente per lo scudetto.

Una storia è già segnata, ma un’altra può cambiare.

Annunci

Tag: , , , , , , ,

Una Risposta to “Non sempre si può perdere”

  1. mascal Says:

    Bene! Peccato che nel calcio, una vittoria della retrocessa in casa di una pretendente allo scudetto quando scommetto non la becco mai…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: