Generale, mio generale!

Il rospo dalla gola me lo caccio subito perchè altrimenti rischio di cominciare a tossire: Massimo Cetola, attuale commissario straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria non sta portando con estremo onore il nome dell’Arma dei Carabinieri di cui è generale in pensione.

Magari lo ha fatto in passato, nelle sua lunga e fulgida carriera, ma adesso proprio no.

Massimo Cetola, seduto da alcuni mesi su una comoda e redditizia poltrona di Palazzo Tibi, è una gentile eredità che il governo Prodi ha lasciato alla prediletta Reggio Calabria, prima di essere pugnalato da Clemente Mastella.

Lo scorso 19 marzo il Consiglio dei Ministri, su proposta dell’allora responsabile del Viminale, Giuliano Amato, decise infatti di sciogliere l’azienda di Reggio per infiltrazioni mafiose.

Ma di questo parlerò tra poco.

Dicevo di Massimo Cetola: lui è un generale in pensione dei carabinieri, è nato a Roma il 17 luglio del 1946, ed è indagato, nell’ambito dell’inchiesta Toghe lucane in ordine al reato p. e p. dagli arti. 110 e 323 del codice penale: concorso in abuso d’ufficio.

E inoltre (c’è sempre un inoltre) Federfarma Rc ha presentato un esposto in Procura proprio contro la Commissione Straordinaria di Massimo Cetola, quella che doveva risolvere i guai della sanità reggina!

Scrivono i farmacisti in una nota stampa:

La Federfarma Reggio Calabria comunica di aver inoltrato un esposto – denuncia alle preposte Autorità inquirenti chiedendo di accertare eventuali ipotesi di reato nell’operato posto in essere dalla Commissione Straordinaria posta al vertice dell’Azienda Sanitari Provinciale di Reggio Calabria. L’intollerabile ed irresponsabile gestione dell’ASP ha prodotto l’imminente necessaria chiusura di tutte le farmacie della provincia di Reggio Calabria.

Troppe mensilità non corrisposte (32 in tutto): le farmacie annunciano la serrata. Promettono di consegnare le chiavi delle proprie attività al prefetto Musolino e si autodenunciano per interruzione di pubblico servizio.

Insomma, fanno sul serio.

Cetola invece continua a non versare nemmeno una goccia di sudore all’interno dei suoi bei completi firmati e soggiorna (non a spese sue, ovviamente) in una comoda stanza dell’Hotel Excelsior di Reggio Calabria: uno dei migliori della città.

Indagato in Toghe lucane, denunciato dai farmacisti di Reggio Calabria, c’è ancora qualcuno che ama il generale Massimo Cetola?

Ho usato il verbo “amare”, ma mi risparmio i pettegolezzi: non mi appartengono.

Lo scorso 9 ottobre perviene agli organi di stampa, e quindi anche a strill.it una nota nella quale una delegazione medica composta da 47 professionisti si schiera apertamente con il generale.

Scrivono i 47:

Nel dramma che inevitabilmente consegue allo scioglimento per mafiosità di un’Azienda Sanitaria, qualcosa di positivo, in questo contesto, affiora ed emerge ed è l’affidamento della gestione ad una Commissione Straordinaria di sicura e provata professionalità e moralità tale da poter contrastare e sconfiggere l’illegalità diffusa, riorganizzare dallo sfacelo tutta la struttura  e restituire, quindi, efficienza e credibilità alla Sanità reggina e della Piana.

A scrivere vi sono molti medici nominati in ruolo dirigenziali dal generale Cetola, ma vi sono anche altri di precedente nomina, confermati dall’attuale commissario.

Legittimo che gli siano riconoscenti:

In effetti, l’opera della Commissione è stata fin dall’inizio, pur nel totale disfacimento aziendale, decisa e alacre.

Infine l’invito:

a tutti gli Enti locali (Comuni, Provincia e Regione), a tutte le Istituzioni, a tutte le organizzazioni, a tutti coloro, in sostanza, che, pur potendo farlo , hanno trascurato finora di dare questo sostegno alla Commissione e di contrastare invece le persone ed i gruppi ed i relativi fiancheggiatori che promuovono l’illegalità e la disorganizzazione.

Mi rivolgo soprattutto ai medici di vecchia nomina, quelli messi lì dalle precedenti gestioni, quelle che promuovevano “illegalità e disorganizzazione”, quelle che mancavano di “efficienza e credibilità”: perchè queste denunce arrivano solo adesso? E, ancora, un po’ di imbarazzo nello scrivere queste cose no, eh?

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 Risposte to “Generale, mio generale!”

  1. La settimana della ReggioSfera | www.LiberaReggio.org Says:

    […] 22 ottobre 2008 – Generale, mio generale! Claudio Cordova – Blog Reggio Calabria La sanità in Calabria lo sappiamo tutti che è scadente. In provincia di Reggio l’Azienda Sanitaria Locale era stata sciolta a causa di infiltrazioni mafiose (una novità?!?!?) e doveva essere messa a posto da un ex generale dell’Arma dei Carabinieri. Tale Massimo Cetola. Lo potete trovare in una delle lussuose stanze dell’Hotel Excelsior di Reggio a spese dello stato. Ma la sanità reggina invece? E’ diventata un hotel excelsior oppure è ancora quella che era prima, un’accozzaglia di illegalità? Dovremmo provare a chiederlo al valoroso generale… […]

  2. teresa rovella Says:

    caro claudio certo siamo andati incontro a una bella eredità ;però non è, nè più e ne meno, di quello che avevamo in precedenza . Questo generale mi somiglia molto all’uomo del monte che però dice sempre no. Quello che però mi fa più pensare e che qualcuno lo appoggi . Sai non sono stati solo i medici, a fiancheggiarlo, spudoratamente ;ma anche alcuni ,della nostra categoria,entrati nelle sue grazie e graziati, scusa la ripetizione ma di solito rafforza il concetto, e poi non si sono schierati apertamente per non prendere posizione. Tu hai fatto bene a scrivere tutto ciò, ma non cadere nel nel loro sporco gioco.Il gatto e la volpe”spesso si servono delle “anime pure” , come te, e li fanno parlare per bocca loro , ritirandosi al momento del confronto.Caro collego è la gioventù e la voglia di fare che anima la tua penna , ma ricorda che nessuno si sbilancerà , come hanno fatto con me, al massimo davanti al grande generale , se ti voglio bene o ti conoscono spenderanno qualche parola per giustificare il tuo sfogo . La situazione va male ,ma noi certamente non siamo compatti ; forse è il nostro lavoro che ci porta ad essere individualisti . PENSIAMO SOLO A COLTIVARCI IL NOSTRO ORTO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: