La Commissione d’indagine rischia il naufragio; ma la città merita delle spiegazioni

Della Commissione d’indagine di Palazzo San Giorgio avevo già parlato qui.

Ecco, invece, l’articolo che ho scritto oggi per www.strill.it

Come il Titanic, la Commissione d’indagine presso il Comune di Reggio Calabria, nata a furor di popolo e sotto i migliori propositi, rischia di affondare, certificando così una frustrante sconfitta per l’intera città. E infatti, i malumori in seno  alla Commissione presieduta dal consigliere Nuccio Barillà crescono giorno dopo giorno e lo stesso Barillà vede nelle dimissioni un’ipotesi sempre più convincente e seduttiva.

Il gruppo di lavoro, formato alcuni mesi fa, in seguito alle dichiarazioni, rilevate in circostanze diverse, del sindaco Giuseppe Scopelliti e del presidente del Consiglio Comunale, Aurelio Chizzoniti, che parlavano apertamente di “mazzette” in alcuni settori, ha trovato numerose difficoltà nel corso della propria attività. Difficoltà che, evidentemente, giorno dopo giorno, si sono fatte sempre più insormontabili, per svariati motivi.

Ci si è messo di mezzo anche qualche episodio sospetto ancorché inquietante come, per esempio, l’intimidazione subita, qualche settimana fa, dall’architetto Saverio Putortì, dirigente del settore Urbanistica (uno di quelli più attenzionati) cui sono state bruciate due auto proprio nel giorno in cui sarebbe dovuto essere audito dall’equipe coordinata da Nuccio Barillà.

E’ latente nelle dichiarazioni, ma evidente nei fatti, la delusione del coordinatore Barillà per la scarsa collaborazione ricevuta: la Commissione, composta da consiglieri di maggioranza e di opposizione, fa fatica anche a riunirsi, dovendo conciliare gli impegni, peraltro legittimi, dei numerosi professionisti che la compongono

Non lo dice e, probabilmente, non lo dirà mai, ma Nuccio Barillà si sente “sabotato” dai suoi stessi colleghi. Anche per questo Barillà, consigliere esperto e uomo di provata correttezza, sta cercando un modo per svincolarsi dall’incarico.

Ma non sarà facile, perché, oltre alle sue dimissioni bisognerebbe accertare se anche il resto della Commissione sia disposta a lasciare il lavoro intrapreso. Sull’istituzione della Commissione d’indagine ha deciso il Consiglio Comunale, ragion per cui è impensabile che tutto venga spazzato via con un colpo di spugna.

Altro fattore che potrebbe rallentare ulteriormente i lavori: Peppe Raffa, di Forza Italia, componente della Commissione, è stato di recente nominato vicesindaco. Inevitabile, ma non per questo rapida e facile da eseguire, la sua surroga all’interno dell’organo coordinato da Barillà.

Vi sono, insomma, diverse cause che hanno concorso e concorrono a complicare la vita della Commissione d’indagine, chiamata a far luce (ed eventualmente a rivolgersi alla magistratura) su una serie di presunte irregolarità avvenute negli uffici di Palazzo San Giorgio.

Ma, adesso, il lavoro ha subito un’ulteriore, forse decisiva fase di stasi; e, anche se dovesse ultimare il proprio lavoro, ipotesi, al momento, alquanto remota, Nuccio Barillà difficilmente verrà a capo di qualche “magagna”.

E i motivi possono essere molteplici.

A Palazzo San Giorgio è tutto in regola? Può darsi, anche se le dichiarazioni di Scopelliti e Chizzoniti facevano pensare ad altro; Nuccio Barillà è inadeguato per il compito di coordinatore della Commissione d’indagine? Nemmeno a parlarne, le capacità di Barillà, stimato da entrambi gli schieramenti politici, non sono in discussione; molto più probabile, infine, che la Commissione d’indagine abbia trovato, nel corso della audizioni, un muro, una imperforabile reticenza da parte delle persone ascoltate.

Quest’ultima ipotesi, pur rimanendo tale, è quella più preoccupante.

In ogni caso, Nuccio Barillà e la sua Commissione dovranno fornire, per un obbligo morale e istituzionale, un resoconto alla città.

La delicatezza della situazione lo impone, senza alcuna deroga.

Annunci

Tag: , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: