Archive for the ‘Me stesso’ Category

Dal 24 luglio ”S” sbarca in Calabria

luglio 23, 2010

I pizzini, i verbali, gli affari e le intercettazioni sulla “Cupola calabrese” colpita al cuore dalle maxiretate di luglio che hanno portato in cella 350 affiliati alla ‘ndrangheta

che avevano fatto di Milano il quartier generale da cui gestire gli affari dei boss. Questi i contenuti con cui il news-magazine S, del gruppo Novantacento, di Palermo, sbarca nelle edicole oltre lo Stretto con un’edizione calabrese interamente dedicata all’organizzazione criminale che si è dotata di una gerarchia simile a Cosa Nostra.

«In 116 pagine full-color – riporta un comunicato – il mensile diretto da Francesco Foresta, ricostruisce punto per punto le fasi delle indagini e i capi di imputazione che coinvolgono l’esercito di 350 uomini agli ordini del super-boss Condello: dagli appalti in Calabria e Lombardia alle relazioni con uomini delle istituzioni, passando per le lettere del boss ai familiari, i retroscena del delitto dell’assicuratore Filianoti e i rapporti tra colletti bianchi e le ‘ndrine.

E poi le estorsioni imposte a tutta Reggio Calabria, il nuovo organigramma delle ‘ndrine, le lupare bianche e gli occhi dell’organizzazione criminale calabrese sull’affare del decennio, l’Expo che si terrà a Milano nel 2015». «È un numero speciale – prosegue la nota – che passa ai raggi X gli affari della ‘ndrangheta a livello nazionale, che raccoglie in un unico volume le fasi delle inchieste ‘Metà e ‘Criminè e che spiega gli equilibri di potere a Reggio Calabria e i collegamenti tra le cosche e gli ambienti politici calabresi».

A firmare gli articoli, oltre a Davide Milosa, Andrea Cottone e Claudio Reale, due cronisti cresciuti alla scuola di strill.it: Claudio Cordova e Antonino Monteleone.

S – Calabria sarà in tutte le edicole calabresi, e nelle principali rivendite di milano a partire da sabato 24 luglio a 3 euro.

Il mio libro-inchiesta: ”Terra venduta”

giugno 4, 2010

Tempo fa, molto tempo fa, mi ero giustificato, per la scarsa frequenza con cui procedevo all’aggiornamento di questo blog, spiegando di avere qualcosa in ballo, qualcosa che stava occupando il mio tempo in maniera totale.

Ebbene, adesso posso finalmente svelare il mistero. Ho scritto un libro-inchiesta sul traffico di rifiuti tossici e radioattivi in Calabria e, ancora, sulle incidenze patologiche che la presenza di queste scorie avrebbe sulla popolazione.

Il libro si intitola “Terra Venduta”, verrà presentato domani 5 giugno presso il salone del Palazzo della Provincia, alle 17. Molti organi di informazione hanno ripreso la notizia e di questo sono grato. Vi segnalo l’articolo apparso sul strill.it, il giornale on line per il quale lavoro.

Dal torrente Oliva di Cosenza alla Pertusola di Crotone, da Cosoleto, nella Piana, a Melito di Porto Salvo, nella ionica, e, ancora, i segreti affondati nel mare, gli atti giudiziari, le dichiarazioni

 dei pentiti, i dati ufficiali dei dipartimenti sanitari, le cifre di denaro attorno ai traffici illeciti di rifiuti e quelle delle morti per malattia sul territorio.

“Terra venduta – Così uccidono la Calabria – Viaggio di un giovane reporter sui luoghi dei veleni”, del giornalista Claudio Cordova per Laruffa Editore, è un’inchiesta diretta e coraggiosa che analizza i fatti e li intreccia a numeri spaventosi che descrivono una regione alla mercé della ’ndrangheta e attanagliata dalle malattie.

Le cosche, con alleanze impensabili e connivenze occulte, muovono un malaffare da milioni di euro. E uccidono il territorio sul piano dello sviluppo e, fatto ancora più grave, sotto il profilo della salute pubblica.     

Cordova ripercorre, con razionalità rigorosa e stile avvincente, i misteri insoluti delle navi avvelenate, della Pertusola, dei traffici d’armi, su rotte internazionali che, inevitabilmente e misteriosamente, finiscono per ritornare in Calabria. Soprattutto dà voce alla gente, ai comitati costituiti per chiedere la verità, alle storie individuali.

Informazioni e notizie puntuali, suffragate da riscontri documentali, dagli atti della Commissione parlamentare sui rifiuti, della DIA, di Legambiente e della magistratura, con una spietata e coraggiosa denunzia di omertà, omissioni, inerzie, negligenze dovute a pressioni di poteri occulti e a interessi enormi decisi a difendere i proventi illeciti con ogni mezzo, nessuno escluso (F. Imposimato).

Il libro, che gode del Patrocinio morale del Forum Nazionale dei Giovani e si avvale della prestigiosa prefazione del magistrato Ferdinando Imposimato, sarà presentato sabato prossimo, 5 giugno, alle ore 17, presso la sala del Palazzo della Provincia, a Reggio Calabria.

Oltre all’autore, interverranno: Omar Minniti, consigliere provinciale – Luigi De Sena, vicepresidente Commissione Parlamentare Antimafia – Angela Napoli, componente Commissione Parlamentare Antimafia – Giusva Branca, direttore responsabile Strill.it – Andrea Iurato, delegato Forum Nazionale dei Giovani – Nuccio Barillà, dirigente nazionale Legambiente – Roberto Laruffa, editore. Coordina Maria Teresa D’Agostino (Ufficio Stampa Laruffa).

Per le associazioni, i comitati, i semplici cittadini, insomma, per chiunque fosse interessato a organizzare una presentazione nella propria città, nel proprio paese, può contattare l’ufficio stampa della casa editrice Laruffa (ufficiostampa@laruffaeditore.it) oppure direttamente me (claudiocordova10@hotmail.com).

Calabria: giornalisti di frontiera

febbraio 9, 2010

Gianluca Ursini ha scritto per PeaceReporter un articolo in cui si parla anche di me. Nel ringraziarlo immensamente per le parole dedicatemi vi copio e incollo il testo del pezzo:

Ad Antonino hanno bruciato l’auto. Due giorni dopo il suo 25esimo compleanno; sotto casa sua , a Reggio. Aveva scritto sul suo blog che dopo l’arresto di alcuni del clan De Stefano (un tempo il più potente in riva allo Stretto) fuori dalla Questura c’erano altri membri del clan, in teoria latitanti, a gridare ingiurie contro “Sbirri, mmerdi e cunfidenti”(la triade del disonore per un buon ‘ndranghetista). Era venerdì scorso. Domenica il suo ex collega di redazione al coraggioso giornale online Strill.it, Claudio Cordova, dall’alto dei suoi 23 anni, di cui 5 passati a seguire i processi di Ndrangheta tra Reggio, Palmi e Locri, ha parlato di “lupi e conigli”. Mafiosi che hanno l’istinto del lupo, e azzannano tutti coloro che osano alzare la testa contro di loro. Ma che agiscono come conigli. Seguono Antonino fin sotto casa, aspettano che vada a dormire, per cospargere la Fiat di benzina e appiccare fuoco. E il coraggio di scrivere questo, fa di Claudio un piccolo, grande uomo di 23 anni; il coraggio che tanti direttori di giornale, magari presidenti delle società pro ‘Ponte sullo Stretto’ Spa, in queste terre desolate non dimostrano da decenni. Antonino fa il blogger ora, e non fa altro che andare telecamera in spalla a seguire processi scomodi per blog scomodi, come quello di Di Pietro o di Beppe Grillo. Ultimamente sta seguendo ogni udienza del processo Dell’Utri sui legami tra politica e mafia.

“Fatevi i cazzi vostri”. Lo stesso coraggio del proprio mestiere dimostrato da Michele Albanese, redazione di Rosarno de “Il Quotidiano di Calabria”. Venti giorni fa ha ricevuto la busta coi proiettili, “Fatti i cazzi tòi”, oppure ti ammazziamo, era il succo. Perché aveva scritto degli interessi mafiosi dietro la cacciata dei neri dalla Piana di Gioia. Uguale la busta coi proiettili recapitata al giudice Giuseppe Lombardo dell’Antimafia di Reggio, con 4 proiettili il 24 gennaio: “Fatti i cazzi tòi, o fai la fine di Falcone”. Lombardo aveva fatto arrestare, in 4 anni, prima il capo latitante dei ‘dominanti’ De Stefano e, scalzati loro, Pasquale, capofamiglia dei Condello, detto U supremu, arrivato al vertice del potere ndranghetista. Come il procuratore di Crotone Pierpaolo Bruni, che ha aperto mille inchieste tra mafia e politica. E’ giovane, ha 30 anni, si muove in scooter; gli hanno fatto trovare due giorni or sono sul sellino due caricatori di P38 svuotati.E un messaggio di posta elettronica che minaccia morte. Tre settimane fa aveva fatto sequestrare beni per decine di milioni a diversi clan nell’operazione ‘Heracles’. Gente che ha il coraggio di non calare la testa davanti ai cani che stanno colonizzando una regione a raffiche di kalashnikov. Come Angela Corica, che scrive da Cinquefrondi, due passi da Rosarno, per “Calabria Ora”, giornale progressista. Un anno fa cinque colpi di pistola contro la sua auto.

Politici contro cemento e calcestruzzo Oppure ci sono i sindaci coraggio come Enzo Saccà a Santa Cristina d’Aspromonte, 4mila anime. Saccà è in predicato di guidare un consorzio di diversi comuni della provincia di Reggio, che vuole gestire i fondi pubblici senza inquinamenti mafiosi. Per lui una settimana fa, 5 proiettili in busta. Il sindaco non molla. Come non si era dimessa la giunta di Polistena, paesino vicino Rosarno, dopo che nel febbraio 2009 il sindaco aveva trovato un mazzo di crisantemi adagiato sul cofano del suo veicolo; segnali premonitori per chi non vuole collaborare con le ditte mafiose. O come non si era dimesso il sindaco di Villa San Giovanni Giancarlo Melito dopo che in un mese gli avevano prima bruciato una vettura, e poi fatto trovare dei candelotti inesplosi sul cofano della seguente. Il suo addetto stampa, Saro Bellé, uno che ha sempre fatto giornalismo per una corrente politica, ma con chiarezza contro le logiche spartitorie degli appalti, ci ha scherzato su: “Ho consigliato al sindaco i concessionari di seconda mano dove mi rivolgo io: a me ne hanno bruciate 3 in 5 anni, e nessuna assicurazione mi ripaga. Non me le posso permettere di prima mano”. Melito e la sua giunta non volevano il Ponte sullo Stretto e i miliardi di euro che finiranno nelle tasche delle cosche che producono calcestruzzo, costruiscono pilastri in cemento, sbancano colline e movimentano scarti e inerti.

Non è finita qui. Un messaggio per tutti i giovani professionisti, i praticanti, gli stagisti che si stanno affacciando alla professione giornalistica. Fate come Claudio Cordova a Antonino Monteleone, come Angela Corica, come tanti altri ragazzi del Sud. Molto più di uno stage in un grande giornale, vi sarebbe utile venire qui. Giù, al Sud.
Venite tutti in Calabria, in Sicilia. proverete la sensazione appagante di ‘esserci dentro’, qui e ora, di vivere finalmente il giornalismo come impegno. E’ questa la prima linea, è qui che bisogna essere. Capirete che i boss temono tanto le nostre tastiere e le nostre pennette Usb, quanto i sequestri dei loro beni disposti dalle procure. Finché ci sarà gente come Claudio e Antonino pronta sul Web a fare ‘’nomi, cognomi e soprannomi” dei tre giudici della Procura generale reggina che prima erano disposti a scarcerare su richiesta i boss delle cosche.

Le nostre pennette, le nostre tastiere, valgono tanto quanto i loro bazooka, i kalashnikov, gli Uzi, le Glock e le P38 e le lupare calibro 12. Come ci ha insegnato il sacrificio di un ragazzo 25enne vent’anni or sono: Giancarlo Siani.

Il giorno degli sciacalli

ottobre 11, 2009

Non se ne parla, lo prometto ufficialmente. Resisterò, lo prometto.

Tra le tante cose scrivevo questo, quasi un anno fa, lo scorso 3 novembre.

Promettevo, promettevo, promettevo. Bla, bla, bla.

“Se la CIA vuole i miei dati, dovrà venire a prenderseli!”, tuonai una sera, in pizzeria.

Bei tempi.

Per i miei detrattori oggi, 25 gennario 2009, è un giorno di festa.

“Ma tanto ti iscriverai!”.

“Ti dò tempo fino a giugno”.

“Di quale anno?”, rispondevo.

Ma oggi è  il giorno degli sciacalli.

E pensare che qualche settimana fa anche nelle conferenze stampa meritavo una menzione speciale: “Voi sapete quanto sia importante Facebook – spiegava un consigliere comunale – anche se Claudio Cordova si ostina a non iscriversi”.

Ma da oggi in poi niente sarà più come prima. Ogni mio articolo, ogni mia parola, perderanno quel briciolo di credibilità agli occhi dei miei fans!

Che tristezza!

Ricorderò questo giorno come il giorno in cui ho quasi detto no, definitivamente, a Facebook.

Quel poco di credibilità che avevo è andato a farsi stra-benedire.

Tutto lavoro buttato nel cesso! Trattengo a stento le lacrime.

Sono, da qualche ora, iscritto a Facebook. Alla fine mi sono arreso.

A pochi metri dal baratro un mio caro amico mi ha chiamato.

“Non farlo, torna in te”, mi ha detto.

Troppo tardi.

Ma lo userò con parsimonia e moderazione!

Lo promet….

Cazzo, di nuovo lo stesso errore!

Io e Wim

settembre 23, 2009

io_wim_wenders

Eccomi qui, a Scilla, la scorsa settimana, immortalato insieme con Wim Wenders, impegnato a girare il cortometraggio “Il volo”, opera sull’immigrazione in Calabria, finanziata dalla Regione.

Wim Wenders è un regista tedesco, vincitore di diversi premi, tra i quali il Leone d’oro del Festival di Venezia, per “Lo stato delle cose”, la Palma d’oro di Cannes, per “Paris, Texas”, nonchè la miglior regia, sempre a Cannes, per “Il cielo sopra Berlino”, il suo film più famoso. Un capolavoro.

E’ un modo per salutarvi e per dirvi che, oltre a giocare, sto preparando anche qualcosa di serio, per questo i miei interventi sul blog sono diminuiti: non so se riuscirò a completare il lavoro che ho intrapreso da qualche mese, ma certamente ce la sto mettendo tutta.

Spero di farvi avere al più presto delle novità in merito.

Agenda – A Melito Porto Salvo per parlare di “navi dei veleni”

settembre 19, 2009

Cimiteri_Sommersi

Oggi alle ore 17 condurrò a Melito Porto Salvo un convegno nel quale i partecipanti si interrogheranno sulla presenza di una nave dei veleni al largo di Melito Porto Salvo, così come dichiarato dal collaboratore di giustizia, Francesco Fonti.

Ecco il comunicato stampa diffuso dal consigliere comunale di Melito, Enzo Domenico Vinci, che è il promotore dell’iniziativa:

Grande interesse ed attesa tra i cittadini della fascia Ionica Reggina e non solo, per il convegno di oggi, sabato 19 settembre, sul tema : CIMITERI SOMMERSI E VERITA’ INABISSATE“ “Una nave dei veleni anche al largo di Melito di Porto Salvo?”. IL programma, all’insegna del giornalismo d’inchiesta, sarà condotto da Domenico Vinci, Claudio Cordova e Francesco Iriti e vedrà la partecipazione del Vice Presidente della provincia di Reggio Cal. Dott. Gesualdo Costantino, dell’assessore provinciale all’Ambiente Avv. Giuseppe Neri e dei Sindaci : Giuseppe Iaria di Melito di Porto Salvo, Pasquale Sapone di San Lorenzo , Antonino Caccamo di Condofuri, Giovanni Squillaci di Bova Marina, Giovanni Nocera di Palizzi, Agostino Zavettieri di Roghudi, Antonino Guarna di Montebello Ionico. Interverranno alla trasmissione Presidenti di Comitati e singoli Cittadini.

L’incontro verrà trasmesso sul sito http://www.melitotv.it/

Agenda – Reggio Calabria: “La legalità, una lotta Comune”

agosto 10, 2009

Carissimi lettori, sono lieto di annunciarvi che stasera, alle ore 19, a Piazza Duomo, in occasione del terzo meeting antimafia, “Legalitalia”, promosso dal movimento Ammazzateci tutti e dalla Fondazione Antonino Scopelliti modererò il meet-cafè dal tema “La legalità, una lotta Comune”.

Interverranno Antonino Iannazzo, sindaco di Corleone, Vittorio Mete, ricercatore e saggista che ha curato diversi lavori sullo scioglimento delle Amministrazioni Pubbliche e Michele Tripodi, assessore alla Legalità della Provincia di Reggio Calabria.

Agenda – Il salotto dell’editore, “Il giornalismo d’inchiesta”

luglio 31, 2009

Vi annuncio sollennemente che stasera, alle ore 21, andrà in onda l’ultima puntata, prima della sosta estiva, de Il Salotto dell’Editore, la trasmissione di ReggioTV condotta da Eduardo Lamberti Castronuovo.

Si parlerà di giornalismo d’inchiesta con Stefania Limiti, giornalista, autrice del libro “L’Anello della Repubblica”, Paolo Cucchiarelli, giornalista dell’Ansa, autore di diversi libri, Anna Briante, direttore responsabile di ReggioTV, Giusva Branca, direttore responsabile di strill.it, Anna Foti, giornalista.

Ah, dimenticavo… Ci sarò anche io.

Lontano dal tuo sole

luglio 7, 2009

E’ da un po’ che non rompo davvero le scatole. Non vi dico che tornerò, perchè non sono ancora andato via. Nonostante tutto. Per ora faccio una cosa da adolescente: vi copio e incollo il testo di una canzone che ben si addice al momento. A presto.

Sono pronto per rialzarmi ancora,
è il momento che aspettavo e ora
nonostante questo cielo sembri chiuso su di me
nessuno mi vede
nessuno mi sente,
ma non per questo io non rido più.
Io son qui in un mondo che ormai
gira intorno a vuoto
lontano dal tuo sole
piove, ma io qualche cosa farò
per sentire ancora
tutto il calore che ora non ho
e avere un po’ di pace che ora non ho
e luce nei miei occhi che ora non ho
un direzione giusta che ora non ho
…che ora non ho

Sulla strada
troppe stelle spente
la tua mano ora servirebbe
tutta la gente alza il dito
e poi lo punta su di me.
Nessuno mi crede, davvero innocente,
ma non per questo io non vivo più.
Io sono qui in un mondo che ormai
gira intorno a vuoto
lontano dal tuo sole,
piove mai io qualche cosa farò
per sentire ancora
tutto il calore che ancora non ho
e avere un po’ di pace
che ora non ho
e luce nei miei occhi
che ora non ho
un direzione giusta
che ora non ho (x3)
E avere un po’ di pace
che ora non ho
e luce nei miei occhi
che ora non ho
una direzione giusta
che ora non ho (x3)

Agenda – In tv…da calciatore!

giugno 22, 2009

Non c’è niente da fare, ha proprio ragione chi dice che parlo solo di me…

Avete mai avuto modo di vedere, per esempio, la Domenica Sportiva, quando, tra il pubblico, il conduttore saluta la squadra della Val di Suda o del Gargano che ha assistito alla trasmissione?

Ebbene, questa sera, insieme ai compagni di squadra della rappresentativa dei giornalisti di Reggio Calabria, assisterò alla trasmissione di ReggioTv, condotta da Andrea Ripepi, “Fuorigioco”.

Ah, dimenticavo, siccome saremo vestiti tutti con la nostra divisa ufficiale, per riconoscermi individuate il più bello… Dopo il capitano, si intende…