Posts Tagged ‘casal di principe’

“Cambiando i governi niente cambia lassù”

febbraio 28, 2009

banca_del_mezzogiorno

In principio era il Verbo.

Subito dopo arrivò la Cassa del Mezzogiorno. E’ il 1950 quando il Governo di Alcide De Gasperi decide di istituire un ente per finanziare iniziative industriali tese allo sviluppo economico del meridione d’Italia, allo scopo di colmare il divario con le regioni settentrionali. Di lì a poco la Penisola avrebbe conosciuto il boom economico, il miracolo italiano.

Al Sud, però, gli unici miracoli che si ricordino sono quelli di San Gennaro, a Napoli, mentre sono stati, sono e saranno tantissimi i “boom”. Firmato mafie.

Dopo la Cassa del Mezzogiorno, per tentare di risollevare il Meridione, in perenne stato di arretratezza, arriva un’altra idea: la 488.

Cos’è la legge 488?

La Legge 488/92 prevede la concessione di agevolazioni in favore delle imprese che intendono promuovere dei programmi di investimento in territori “particolarmente depressi”.

I territori del Meridione.

Non dico nulla, vi copio e incollo soltanto ciò che scriveva, appena pochi giorni fa, Antonello Caporale su la Repubblica. Lo condivido in pieno:

La legge 488, la figlia illegittima della Cassa del Mezzogiorno, provoca l’emigrazione al contrario: imprenditori del Nord che scendono al Sud, nel profondo Sud, ripuliscono le casse del Ministero per lo Sviluppo Economico, gabbano migliaia di ragazzi e si eclissano. Oppure solleticano la verve imprenditoriale della mafia locale, coperta dal silenzio della gente e da un manipolo di prestanome. Chi (pochi) finisce in cella, chi (tanti) fugge all’estero, chi (la maggioranza) aspetta che la giustizia si fermi al traguardo della prescrizione.

E infine:

La legge 488, la famigerata 488, ha generato la più grande catena truffaldina nella già devastata economia del sud.

Cerchiamo di non perdere il filo: abbiamo parlato della Cassa del Mezzogiorno e della legge 488.

Insomma, il Sud non cammina e quando cammina lo fa a marce basse. Lo Stato negli anni fa credere di volerle provare tutte per risollevare una porzione assai significativa, dal punto di vista storico e demografico, del proprio territorio.

Oggi, l’ennesimo tentativo che, probabilmente, farà la brutta fine degli altri due strumenti di cui ho appena finito di parlare: il Ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, ha scelto il congresso del Movimento per l’Autonomia per annunciare la notizia dell’istituzione della Banca del Mezzogiorno.

La Banca del Mezzogiorno avrà cinque milioni di euro di capitale: la sua istituzione è prevista dall’articolo 6-ter della Finanziaria 2009.

Vi segnalo il punto uno:

1.Al fine di assicurare la presenza nelle regioni meridionali d’Italia di un istituto bancario in grado di sostenere lo sviluppo economico e di favorirne la crescita, è costituita la società per azioni «Banca del Mezzogiorno».

Il punto tre:

3.Con il decreto di cui al comma 2 sono altresì disciplinati:
a) i criteri per la redazione dello statuto, nel quale è previsto che la Banca abbia necessariamente sede in una regione del Mezzogiorno d’Italia;
b) le modalità di composizione dell’azionariato della Banca, in maggioranza privato e aperto all’azionariato popolare diffuso, e il riconoscimento della funzione di soci fondatori allo Stato, alle Regioni, alle Province, ai Comuni, alle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e altri enti e organismi pubblici, aventi sede nelle regioni meridionali, che conferiscono una quota di capitale sociale;
c) le modalità per provvedere, attraverso trasparenti offerte pubbliche, all’acquisizione di marchi e di denominazioni, entro i limiti delle necessità operative della Banca, di rami di azienda già appartenuti ai banchi meridionali e insulari;
d) le modalità di accesso della Banca ai fondi e ai finanziamenti internazionali, con particolare riferimento alle risorse prestate da organismi sopranazionali per lo sviluppo delle aree geografiche sottoutilizzate.

E il punto quattro:

4.È autorizzata la spesa di 5 milioni di euro per l’anno 2008 per l’apporto al capitale della Banca da parte dello Stato, quale soggetto fondatore. Entro cinque anni dall’inizio dell’operatività della Banca tale importo è restituito allo Stato, il quale cede alla Banca stessa tutte le azioni a esso intestate a eccezione di una.

Tremonti, a margine dell’annuncio, ha detto una cosa giusta: “Il problema non è la quantità ma la capacità di spesa, non è quante risorse sono assegnate ma quante sono spese e spese bene. Non è un problema di stanziamenti, ma dell’effettivo utilizzo degli stanziamenti stessi. Il problema è anche nella necessità che la classe politica abbia responsabilità e capacità di governo”.

E’, come ho detto, un ennesimo tentativo. Uno specchietto per le allodole che, grazie all’incapacità e alla connivenza della politica, probabilmente diverrà ben presto un succulento bocconcino per la criminalità organizzata.

A proposito, il casalese Nicola Cosentino, sottosegretario dell’Economia, a proposito della Banca del Mezzogiorno, dice: “Sarà il principale volano dell’economia meridionale. Il suo atto di nascita aggiunge un pezzo importante al mosaico di sviluppo del Mezzogiorno. La Banca del Sud, di cui ieri è stato firmato il decreto attuativo, servirà a dare ossigeno ai programmi di sviluppo del Meridione”. 

A Casal di Principe, a Palermo e, perchè no, a Reggio Calabria qualcuno sta già brindando.

Annunci

Terre senza speranza

novembre 14, 2008

provenzano

Ritorno a parlare di ‘ndrangheta, mafia e camorra. Da qualche giorno non lo facevo e qualcuno si era già insospettito.

Nonostante l’incipit tutt’altro che serio, voglio riflettere ad alta voce di cose gravi: per quanto mi riguarda Calabria e Campania sono due regioni oramai perdute.

Sono terre senza speranza.

Discorso a parte merita, invece, la Sicilia dove, anche nei miei sporadici viaggi universitari, riesco a “intercettare” una vitalità maggiore, una voglia di reagire alle logiche mafiose che in Calabria, vivendoci, non vedo e che in Campania, documentandomi, vedo ancor meno.

La Sicilia, Palermo in particolare, roccaforte della mafia, è quella terra che, all’indomani dei vergognosi murales che inneggiavano alla figura di Matteo Messina Denaro, rispondeva con le immagini, le icone, di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

“Le loro idee camminano con le noste gambe”.

Le idee di Falcone e Borsellino erano e sono idee sane, come sono sane le idee di molti personaggi, magistrati e non (penso a don Ciotti) che operano in Calabria.

Ma in Calabria le idee non camminano con le gambe di nessuno, o quasi. La Calabria, da questo punto di vista, è una terra di paralitici, dove in pochissimi hanno la voglia e il coraggio di mettere in discussione uno status quo deviato, fatto di ingiustizie e di oppressione.

A Palermo, dopo l’arresto di Provenzano, di fronte alla Questura c’erano centinaia di persone che esultavano per la vittoria dello Stato e sputavano nei confronti dell’oppressore.

A Reggio Calabria, in occasione dell’arresto di Pasquale Condello, c’erano solo quindici giornalisti, poco più.

Io c’ero e, oltre a prendere appunti, riflettevo.

La Calabria convive (e qui mi rifaccio al poeta) con la ‘ndrangheta e il malaffare.

A Crotone, per esempio, i bambini studiano e giocano su rifiuti nocivi, ma praticamente nessuno è sceso in piazza per protestare.

I giornalisti si limitano a riportare la notizia, copiata da qualche comunicato, ma sono poche le “penne” che provano a dire qualcosa, che provano a creare movimenti di opinione sani.

Penso a Emiliano Morrone e Francesco Saverio Alessio, autori coraggiosi de “La società sparente”.

Trattati come dei traditori, degli infami, dei nemici.

In Campania va anche peggio: Roberto Saviano, 29 anni, è costretto a vivere sotto scorta giorno e notte per aver denunciato la cappa camorristica che si stende su Casal di Principe, ma, in generale, su tutta la regione.

I giornalisti, le persone in generale, si dividono in due categorie: chi prova, tenta disperatamente, di dire qualcosa (e può non riuscirci per mancanza di capacità, magari) e chi, invece, rinuncia a priori a ogni forma di dissenso, di riflessione.

Un’autocastrazione, fondamentalmente.

Un’autocastrazione assecondata, anzi incoraggiata, dal resto della società: se scrivi, se gridi, se ti arrabbi, nella migliore delle ipotesi sei solo “uno che non ha un cazzo da fare”.

Per questo dico che il coraggio è merce rara. Come è merce rara l’intelligenza: l’intelligenza di capire che ribellarsi con forza e decisione darebbe un senso più profondo alla vita di tutti noi.

La politica non aiuta di certo. Se il valente consigliere regionale Maurizio Feraudo, anzichè raccogliere firme sul lodo Alfano, le raccogliesse per le premature (e scandalose) scarcerazioni di Carmelo e Antonino Iamonte, oppure per fare in modo che vicende come quella di Silvio Farao non si ripetano più, farebbe una cosa molto più sensata e “onorevole”.

Calabria e Campania: si tratta di terre rubate, delle quali i cittadini onesti non reclamano la legittima proprietà.

Ma delle mie cose io sono parecchio geloso e, nel mio piccolo (minuscolo, direi), continuerò a scrivere.

Perchè ci credo in primis, e perchè mi sembra l’unico modo a mia disposizione di ringraziare quanti si impegnano sul serio nella lotta alla criminalità organizzata: a cominciara da Falcone e Borsellino, passando per don Ciotti, fino ad arrivare ai carabinieri del Ros che hanno arrestato, alcuni mesi fa, Pasquale Condello.

Anche se questi post sono i tipici articoli da “nessun commento”.