Posts Tagged ‘filippo leonardo’

Operazione “Leucopetra”: rifiuti pericolosi a 300 metri dal mare

Mag 12, 2009

operazione_leucopetrada www.strill.it

E’ una centrale a carbone il nucleo da cui si irradiavano tutte le attività illecite nell’ambito dello smaltimento dei rifiuti pericolosi, scoperte dal Corpo Forestale dello Stato tramite l’operazione “Leucopetra” che ha portato all’arresto di dieci persone nelle provincie di Reggio Calabria, Brindisi e Lecce.

LA PROCEDURA

I rifiuti, infatti, venivano prodotti dalla Centrale ENEL di Brindisi e classificati come rifiuti pericolosi, secondo la normativa del Codice Europeo in materia di rifiuti, ma, mediante certificazioni analitiche, svolte da laboratori privati, venivano declassificati nella categoria di rifiuti non pericolosi. La fase successiva era semplicissima: i rifiuti invece di essere smaltiti in una discarica idonea, venivano avviati al recupero per la produzione di laterizi. Un recupero, che, però, non veniva mai effettuato, perché le scorie venivano occultate sotto terra. La centrale di Brindisi, “Federico II”, tra l’altro, nel documento “Dirty Thirty” del maggio 2007, stilato dal WWF, è stata indicata come la venticinquesima peggiore centrale elettrica d’Europa in termini di efficienza energetica in relazione alle emissioni di anidride carbonica.

IL VIAGGIO

Ricapitolando, i rifiuti venivano prodotti a Brindisi, in località Cerano, per essere trasportati tramite un’Associazione Temporanea d’Impresa, dalle ditte Sabatelli, Ikos e Caserta, fino alla Calabria, in particolare, presso l’industria di laterizi “Caserta S.n.c”, in via Nazionale 197, a Lazzaro, nel Comune di Motta San Giovanni, e presso la Cava d’argilla in località Giammassaro di Lazzaro, sempre all’’interno del Comune di Motta San Giovanni. E si tratta di una quantità ingente di rifiuti: migliaia di tonnellate a distanza di circa trecento metri dal mare, in una zona abitata, peraltro individuata, con Decreto del Ministero dell’Ambiente, come sito di importanza comunitaria (SIC), denominato “Fondali da Punta Pezzo a Capo dell’Armi”.

GLI ARRESTATI E I REATI CONTESTATI

Ai dieci individui arrestati (quattro tradotti in carcere e sei agli arresti domiciliari) viene contestato il reato di disastro ambientale. Tra gli arrestati figurano Antonio Caserta, 47 anni, amministratore della “Caserta snc”, Antonio Giuseppe Marraffa, 55 anni dopodomani, comproprietario della ditta di trasporti “Ikos Puglia srl”, Giovanni Monna, 44 anni, amministratore unico della stessa “Ikos Puglia” e Vito Sabatelli, 52 anni, titolare dell’omonima ditta di trasporti, “Sabatelli”. Assai significativo, invece, è il coinvolgimento di alcuni funzionari dell’ENEL, tra i quali Michele Palermo, 52 anni, dell’ufficio appalti per l’Italia meridionale e Diego Baio, 51 anni, responsabile della sicurezza della centrale ENEL di Brindisi. Ai funzionari dell’ENEL, inoltre, viene contestato anche il reato di turbativa d’asta. Nessuno dei funzionari, però, è stato tradotto in carcere.

I NUMERI DELL’OPERAZIONE

Tra i provvedimenti adottati dal GIP di Reggio Calabria, Filippo Leonardo, il sequestro preventivo di beni a carico degli indagati: un’area di cava e un’industria di laterizi, di proprietà della ditta “Caserta”, nonché ruspe, escavatori e camion della stessa azienda. Le ditte di trasporto, invece, si sono viste sequestrare quindici automezzi che servivano per il viaggio dalla Puglia alla Calabria. La quantità di rifiuti smaltiti illecitamente, stando alle indagini tuttora in corso, è stimata, negli anni 2006 e 2007, in oltre centomila tonnellate. L’attività messa in atto fruttava quasi sei milioni e mezzo di euro annui.

LE VALUTAZIONI INVESTIGATIVE

“Non esiste, al momento, un rischio per la salute delle persone che abitano nelle zone interessate dallo scarico dei rifiuti”, ha affermato il Procuratore capo di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone. Nell’indagine, al momento, non sarebbero coinvolti dipendenti dell’Asl, ma il mirino degli inquirenti sarebbe puntato su alcuni laboratori privati che avrebbero permesso, tramite le proprie certificazioni analitiche, la declassificazione dei rifiuti. Intanto, però, secondo fonti investigative, si starebbe valutando il coinvolgimento di consorterie della ‘ndrangheta nell’attività illecita smascherata dall’operazione “Leucopetra”.

Il tesoro di Zio Paperone

gennaio 29, 2009

ziopaperone

Cominciamo dalla notizia di oggi:

Beni del valore di circa 3 milioni di euro sono stati confiscati dagli uomini del Centro Operativo Dia di Reggio Calabria che hanno dato esecuzione ad un provvedimento di confisca emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale della citta’ calabrese. Il patrimonio confiscato era costituito da aziende, beni mobili ed immobili riconducibili ad Antonio Crea, 45 anni, di Taurianova (RC), titolare di una ditta di autotrasporti, cugino del piu’ noto Teodoro Crea , ritenuto capo dell’omonima cosca operante nel comprensorio di Rizziconi (RC). 

Tre milioni di euro non sono pochi, ma non sono nemmeno tantissimi per un clan come quello dei Crea, abituato a manovrare tanti, tantissimi, soldi. La cosca dei Crea di Rizziconi è, infatti, una delle più potenti della ‘ndrangheta. Ecco cosa scrive, a riguardo, Francesco Forgione nella relazione sulla ‘ndrangheta, rifacendosi alla pagina numero 18 della Relazione sulla “Criminalità mafiosa in Calabria – giugno 2007” stilata dal R.O.S. dei Carabinieri:

“La famiglia mafiosa dei “Crea”, capeggiata dal boss Teodoro Crea,  esercita l’egemonia nell’area di Rizziconi, con diramazioni anche nel Nord Italia, dove è particolarmente attiva con imprese edili nell’accaparramento di appalti pubblici. Il potere mafioso dei “Crea” si è rafforzato per i legami con altre famiglie storiche della ‘ndrangheta, come i “Mammoliti” di Castellace e gli “Alvaro” di Sinopoli ,  concretizzatosi nel controllo diretto di attività economiche nel settore delle costruzioni, degli autotrasporti e della grande distribuzione”.

Teodoro Crea è attualmente detenuto in carcere, dal quale, evidentemente, riesce comunque a dettare i propri ordini e, soprattutto, a fare soldi. E’ stato arrestato il 13 luglio del 2006 nella frazione Castellace del comune di Oppido Mamertina, nella piana di Gioia Tauro, a 67 anni, durante una riunione di ‘ndrangheta insieme ad altri due affiliati.

Teodoro Crea ha un soprannome particolare. Lo chiamano “Zio Paperone”.

Chissà perchè.

Anche il cugino di Teodoro Crea, Antonio Crea, 45 anni, a cui oggi sono stati sequestrati beni per tre milioni di euro, ha un soprannome. Lo chiamano “u malandrinu”.

Chissà perchè.

Di alcune vicende relative anche la cosca Crea si è occupata di recente (quasi un anno fa) la Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. Se non vado errato fu la prima conferenza stampa retta dal Procuratore Capo, Giuseppe Pignatone.

L’inchiesta in questione, che ci aiuta a capire qualcosa in più sul conto della cosca Crea di Rizziconi, è la cosiddetta operazione “Saline” che ha portato all’arresto, tra gli altri, del politico-imprenditore Pasquale Inzitari.

L’operazione “Saline” è, di fatto, un’ideale prosecuzione della cosiddetta operazione “Toro” che ha coinvolto proprio la cosca Crea, attiva a Rizziconi, soprattutto in azioni estorsive nei confronti dei soci della DEVIN spa e cioè di Pasquale Inzitari, Rosario Vasta e Ferdinando De Marte, che avevano acquistato dai Crea il terreno su cui realizzare il centro Commerciale “Porto degli Ulivi”. Sulla vicenda è già intervenuta sentenza di condanna del Tribunale di Palmi nei confronti anche del boss Teodoro Crea, “zio Paperone”.

Pasquale Inzitari, peraltro, è considerato personaggio molto vicino a “Zio Paperone” per via di un rapporto di comparatico fra il primo e l’omonimo nipote del citato boss, il pregiudicato Teodoro Crea, classe ’67.

Piccoli Crea crescono.

Nella vicenda entra anche Nino Princi, l’imprenditore fatto saltare in aria, a bordo della propria automobile, a Gioia Tauro. Princi, oltre a essere cognato di Pasquale Inzitari, era genero del boss di Castellace, Domenico Rugolo.

Ecco cosa scrive il Gip Filippo Leonardo nell’ordinanza dell’inchiesta “Saline”:

Gli esiti della presente indagine consentono di ritenere sussistente nel territorio di Castellace una consorteria criminale, denominata Rugolo, capeggiata dall’anziano boss Domenico Rugolo e risorta dalle ceneri della cosca Mammoliti-Rugolo…In tale “rinnovata” cosca Rugolo è emerso prepotente il ruolo dei generi di Domenico Rugolo ed, in particolare, di Domenico Romeo, impegnato quale prestanome del suocero nel settore degli appalti, e soprattutto di Antonino Princi, impegnato nella riorganizzazione del sodalizio criminoso e nell’attività di riciclaggio e reimpiego nel settore imprenditoriale dei proventi illeciti della cosca. E’ quest’ultimo un personaggio capace di assicurare unità e continuità al sodalizio criminoso anche oltre il ruolo di vertice svolto dal suocero ed indipendentemente dalla presenza del medesimo.

Nino Princi muore il giorno successivo agli arresti dell’operazione “Saline”, nella quale era egli stesso coinvolto.

Sarebbe stato Nino Princi a collaborare con la Polizia di Stato, svelando il luogo in cui si nascondeva Teodoro Crea. I Rugolo, inoltre, sono attivi a Castellace. Proprio dove è stato arrestato, dalla Polizia di Stato, “Zio Paperone”, dopo il suo vano tentativo di fuga nelle campagne, trasportato sulle spalle proprio da Mico Rugolo, con un gesto fatto per certificare la propria “lealtà”, ma, che, invece, hanno sostenuto gli inquirenti, viene scoperto come una “tragedia”, “una delazione”, allo scopo di liberarsi di un temibile concorrente.

Tutto per favorire le attività della Devin SpA nella vicenda del Centro Commerciale “Porto degli Ulivi”.

Stando all’ordinanza del Gip Leonardo, la società riuscirà poi a vendere l’intero capitale alla Credit Suisse, per 11 milioni e 600mila euro, di cui circa 2 milioni sarebbero stati incassati dal socio occulto, Nino Princi.

Lo stesso uomo che, con la propria “spiata” (materialmente affidata a Rosario Vasta, che ha poi avvertito la Polizia) ha posto fine alla latitanza di “Zio Paperone”.

La famiglia Crea, però, continua a far soldi. D’altra parte, il boss Teodoro, è Zio Paperone…