Posts Tagged ‘il quotidiano della calabria’

Calabria: giornalisti di frontiera

febbraio 9, 2010

Gianluca Ursini ha scritto per PeaceReporter un articolo in cui si parla anche di me. Nel ringraziarlo immensamente per le parole dedicatemi vi copio e incollo il testo del pezzo:

Ad Antonino hanno bruciato l’auto. Due giorni dopo il suo 25esimo compleanno; sotto casa sua , a Reggio. Aveva scritto sul suo blog che dopo l’arresto di alcuni del clan De Stefano (un tempo il più potente in riva allo Stretto) fuori dalla Questura c’erano altri membri del clan, in teoria latitanti, a gridare ingiurie contro “Sbirri, mmerdi e cunfidenti”(la triade del disonore per un buon ‘ndranghetista). Era venerdì scorso. Domenica il suo ex collega di redazione al coraggioso giornale online Strill.it, Claudio Cordova, dall’alto dei suoi 23 anni, di cui 5 passati a seguire i processi di Ndrangheta tra Reggio, Palmi e Locri, ha parlato di “lupi e conigli”. Mafiosi che hanno l’istinto del lupo, e azzannano tutti coloro che osano alzare la testa contro di loro. Ma che agiscono come conigli. Seguono Antonino fin sotto casa, aspettano che vada a dormire, per cospargere la Fiat di benzina e appiccare fuoco. E il coraggio di scrivere questo, fa di Claudio un piccolo, grande uomo di 23 anni; il coraggio che tanti direttori di giornale, magari presidenti delle società pro ‘Ponte sullo Stretto’ Spa, in queste terre desolate non dimostrano da decenni. Antonino fa il blogger ora, e non fa altro che andare telecamera in spalla a seguire processi scomodi per blog scomodi, come quello di Di Pietro o di Beppe Grillo. Ultimamente sta seguendo ogni udienza del processo Dell’Utri sui legami tra politica e mafia.

“Fatevi i cazzi vostri”. Lo stesso coraggio del proprio mestiere dimostrato da Michele Albanese, redazione di Rosarno de “Il Quotidiano di Calabria”. Venti giorni fa ha ricevuto la busta coi proiettili, “Fatti i cazzi tòi”, oppure ti ammazziamo, era il succo. Perché aveva scritto degli interessi mafiosi dietro la cacciata dei neri dalla Piana di Gioia. Uguale la busta coi proiettili recapitata al giudice Giuseppe Lombardo dell’Antimafia di Reggio, con 4 proiettili il 24 gennaio: “Fatti i cazzi tòi, o fai la fine di Falcone”. Lombardo aveva fatto arrestare, in 4 anni, prima il capo latitante dei ‘dominanti’ De Stefano e, scalzati loro, Pasquale, capofamiglia dei Condello, detto U supremu, arrivato al vertice del potere ndranghetista. Come il procuratore di Crotone Pierpaolo Bruni, che ha aperto mille inchieste tra mafia e politica. E’ giovane, ha 30 anni, si muove in scooter; gli hanno fatto trovare due giorni or sono sul sellino due caricatori di P38 svuotati.E un messaggio di posta elettronica che minaccia morte. Tre settimane fa aveva fatto sequestrare beni per decine di milioni a diversi clan nell’operazione ‘Heracles’. Gente che ha il coraggio di non calare la testa davanti ai cani che stanno colonizzando una regione a raffiche di kalashnikov. Come Angela Corica, che scrive da Cinquefrondi, due passi da Rosarno, per “Calabria Ora”, giornale progressista. Un anno fa cinque colpi di pistola contro la sua auto.

Politici contro cemento e calcestruzzo Oppure ci sono i sindaci coraggio come Enzo Saccà a Santa Cristina d’Aspromonte, 4mila anime. Saccà è in predicato di guidare un consorzio di diversi comuni della provincia di Reggio, che vuole gestire i fondi pubblici senza inquinamenti mafiosi. Per lui una settimana fa, 5 proiettili in busta. Il sindaco non molla. Come non si era dimessa la giunta di Polistena, paesino vicino Rosarno, dopo che nel febbraio 2009 il sindaco aveva trovato un mazzo di crisantemi adagiato sul cofano del suo veicolo; segnali premonitori per chi non vuole collaborare con le ditte mafiose. O come non si era dimesso il sindaco di Villa San Giovanni Giancarlo Melito dopo che in un mese gli avevano prima bruciato una vettura, e poi fatto trovare dei candelotti inesplosi sul cofano della seguente. Il suo addetto stampa, Saro Bellé, uno che ha sempre fatto giornalismo per una corrente politica, ma con chiarezza contro le logiche spartitorie degli appalti, ci ha scherzato su: “Ho consigliato al sindaco i concessionari di seconda mano dove mi rivolgo io: a me ne hanno bruciate 3 in 5 anni, e nessuna assicurazione mi ripaga. Non me le posso permettere di prima mano”. Melito e la sua giunta non volevano il Ponte sullo Stretto e i miliardi di euro che finiranno nelle tasche delle cosche che producono calcestruzzo, costruiscono pilastri in cemento, sbancano colline e movimentano scarti e inerti.

Non è finita qui. Un messaggio per tutti i giovani professionisti, i praticanti, gli stagisti che si stanno affacciando alla professione giornalistica. Fate come Claudio Cordova a Antonino Monteleone, come Angela Corica, come tanti altri ragazzi del Sud. Molto più di uno stage in un grande giornale, vi sarebbe utile venire qui. Giù, al Sud.
Venite tutti in Calabria, in Sicilia. proverete la sensazione appagante di ‘esserci dentro’, qui e ora, di vivere finalmente il giornalismo come impegno. E’ questa la prima linea, è qui che bisogna essere. Capirete che i boss temono tanto le nostre tastiere e le nostre pennette Usb, quanto i sequestri dei loro beni disposti dalle procure. Finché ci sarà gente come Claudio e Antonino pronta sul Web a fare ‘’nomi, cognomi e soprannomi” dei tre giudici della Procura generale reggina che prima erano disposti a scarcerare su richiesta i boss delle cosche.

Le nostre pennette, le nostre tastiere, valgono tanto quanto i loro bazooka, i kalashnikov, gli Uzi, le Glock e le P38 e le lupare calibro 12. Come ci ha insegnato il sacrificio di un ragazzo 25enne vent’anni or sono: Giancarlo Siani.

Annunci

I progetti a Reggio Calabria: istruzioni per l’uso

marzo 15, 2009

palazzo_san_giorgio_reggio_calabria

Qualche giorno fa, sul Quotidiano della Calabria, Peppe Baldessarro ci raccontava che altre due opere cittadine (di competenza dell’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria) sono stati bloccati, per vicissitudini varie.

Si tratta delle darsene di Catona e Pellaro, frazioni estreme del territorio di Reggio Calabria, posizionate, rispettivamente, a nord e a sud.

Andiamo con ordine.

Per quanto riguarda la darsena di Catona, il Tar della sezione di Reggio Calabria ha accolto il ricorso di alcuni proprietari terrieri cui era stata espropriata l’area su cui dovrebbe sorgere l’opera.

Adesso il Comune di Reggio Calabria dovrà

rinnovare per intero il procedimento, ponendo a base delle sue decisioni un progetto che tenga conto delle intervenute variazioni e in relazione al quale dovrà essere interamente ripetuto il percorso progettuale.

Insomma, in soldoni: strappare tutto, come si faceva a scuola, per i compiti fatti male, e ricominciare da capo. E questo non lo dico io, ma i magistrati del Tar.

Perchè tutto cio?

Perchè il progetto è vecchio di dieci anni e, nonostante le cose, in dieci anni, siano cambiate parecchio (è stato realizzato il lungomare, per esempio), nessuno ha ritenuto opportuno modificare alcunchè. L’opera, allo stato attuale, sarebbe finita parzialmente in mare.

Un dettaglio non di poco conto.

Mettiamo in moto la macchina e spostiamoci a Pellaro, dove dovrebbe essere costruita un’altra darsena.

In questo caso la situazione è molto più fluida: la darsena dovrebbe essere costruita in un luogo ad alto rischio di inondazioni.

Anche in questo caso, dettagli non di poco conto.

Ma, in fondo, direbbe qualcuno, è una questione di “rischio”. E i rischi, si sa, non sempre si tramutano in realtà.

Ma, forse, non è il caso di affidarsi alla scaramanzia.

Fatto sta che è dovuto intervenire il presidente del Consiglio Comunale, Aurelio Chizzoniti, che conosce bene Pellaro, che ha rimandato al mittente i documenti del cosiddetto “piano spiagge” (nel quale c’è anche il progetto della darsena di Pellaro) alla Commissione presieduta dal consigliere Morisani.

Progetti redatti male, insomma.

A volte sono i progetti, a volte sono le gare d’appalto.

Il risultato è, però, lo stesso: i progetti, talvolta i cantieri, si bloccano e, di conseguenza, i tempi di realizzazione si moltiplicano in maniera gargantuesca.

Come è capitato, alcuni mesi fa, ai cantieri di Piazza Italia, bloccati dal Tar, perchè il bando era irregolare:

l’art. 3 co. 2 del capitolato prestazionale prevede testualmente che “la valutazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa sarà effettuata applicando il metodo di calcolo specificato”, ma a ben guardare, nessun metodo di calcolo viene specificato. La violazione rilevata comporta, pertanto, l’illegittimità del bando e di tutti gli atti conseguenti di cui va disposto l’annullamento.

E anche qui, per essere precisi, non lo dico io che faccio il giornalista: lo dicono i giudici.

Io mi limito a scriverlo.

Quel poco che si riesce a sapere

febbraio 15, 2009

le_iene

Per una volta Le Iene non hanno fatto lo scoop. Alcuni giorni fa, venerdì credo, la trasmissione, in onda su Italia 1, ha mandato in onda un servizio sulla scarcerazione di due killer, Denis Alfarano e Damiano Leotta, avvenuta in seguito al ritardo siderale con cui sono state depositate le motivazioni della sentenza che aveva condannato Alfarano e Leotta a 12 anni e 6 mesi di reclusione per il tentato omicidio di un ispettore di polizia.  Alfarano e Leotta dovrebbero essere in gattabuia, ma il Gup di Reggio Calabria che li aveva condannati, Concettina Garreffa, ha pensato bene di impiegare 18 mesi (invece dei canonici 9o giorni) per protocollare le motivazioni della condanna. Risultato: Alfarano e Leotta tornano liberi. Tutti impuniti. Sia i killer, sia il giudice che, con il proprio marchiano errore, ne ha permesso la scarcerazione.

E’ giusto ricordare lo scempio messo in atto dal giudice Garreffa, ma il servizio de Le Iene, salvo la proposizione, inedita, dell’audio dei preparativi di un omicidio sventato dall’arrivo della polizia e dal successivo conflitto a fuoco tra i killer e le forze dell’ordine, non ha aggiunto granchè a quanto la gente avrebbe dovuto già sapere.

In città non si parla d’altro e, anche su internet, il dibattito impazza, ma, a dire il vero, il caso, lo scandalo, non l’hanno mica scoperto Le Iene.

Solitamente accade il contrario: i giornalisti reggini non sanno fare il proprio lavoro e deve arrivare qualcuno da fuori a informarci. Non in questo caso.

Il 7 agosto avevo personalmente copiato e incollato sul blog un articolo apparso su La Repubblica, a firma dell’ottimo Peppe Baldessarro, corrispondente da Reggio Calabria.

Niente squilli di tromba e cori di indignazione, ai tempi. Oggi, invece, la tipica (e, come vedremo, giustificata) esterofilia del reggino medio mette sul piano del dibattito una notizia vecchia di sei mesi.

Ad agosto non si parlò affatto della scarcerazione di Alfarano e Leotta: forse sarà stata la stagione estiva, ancor più probabilmente sarà stata la poca credibilità (e quindi il poco seguito) di cui gode, meritatamente, la classe giornalistica reggina. Non è il caso di Peppe Baldessarro, uno dei migliori professionisti della città (è redattore del Quotidiano), ma tanti anni di notizie non date, di teste sotto la sabbia, di marchette ai potenti, hanno minato in maniera irrecuperabile la figura professionale dei giornalisti reggini, anche di quelli che si danno da fare con coraggio, accomunati, irreversibilmente e immeritatamente, alla mediocrità generale.

Tutta colpa di quelli che interpretano il giornalismo in maniera clientelare, tutta colpa dei tanti pusillanimi che preferiscono rimanere in redazione a “impastare” i comunicati stampa di politici e associazioni varie, invece di lavorare sul serio. 

Poi arriva il “forestiero” di turno, ci dice qualcosa che già dovremmo sapere e tutti lì a battere le mani come deficienti.

Dovreste incazzarvi, invece. E vi ho anche detto con chi.

Bugie no, omissioni sì

ottobre 11, 2008

Non mi è piaciuta nemmeno un po’ la scelta operata dall’Ufficio Stampa del Comune di Reggio Calabria di omettere nella rassegna stampa all’interno del sito ufficiale dell’Ente la notizia, riportata dalle testate giornalistiche locali “Il Quotidiano” e “CalabriaOra” che vorrebbe la dirigente del settore “finanze e tributi” di Palazzo San Giorgio, Orsola Fallara, indagata nell’ambito dell’inchiesta “Testamento”.

Ma se posso, con enormi difficoltà, comprendere (non condividere) la scelta dei colleghi (che sono tutti anche degli amici) dell’ufficio stampa del Comune, in precedenza mi aveva, invece, inorridito l’omissione sul tema messa in atto dall’altro quotidiano locale, la “Gazzetta del Sud”, che, come spesso accade, preferiva informarci che “Reggio sarà in gara, insieme ad altre 5 città nella sfida delle Cartoniadi 2008” oppure ci propinava un’interessantissima (…) intervista al neo consigliere comunale del Partito Repubblicano, Paolo Ferrara.

Mi chiedo: è così aberrante tentare di fornire ai cittadini un’informazione “onesta”?

P.S. Anche per questo non mi scandalizzo quando Antonino Monteleone e Domenico Malara affermano (peraltro in maniera più che condivisibile) che che, in questa regione, i giornalisti sono trattati alla pari delle bestie.