Posts Tagged ‘l’aquila’

I Bronzi, trattati come stronzi

agosto 16, 2009

Bronzi_di_riace

Dovrò scusarmi, lo so, per l’abominevole titolo che ho scelto per questo post. Ma, prima, cercherò di spiegarvi che non si tratta una mera scurrilità, fine a sè stessa.

Come ci ricorda, in un gran bell’articolo, Anna Foti, il 16 agosto del 1972, il mare di Riace, restituiva alla Calabria, al mondo direi, due tesori: due statue di bronzo, ad altezza naturale, raffiguranti due guerrieri greci. I Bronzi di Riace.

Un patrimonio inestimabile che, da subito, attira tantissimi visitatori presso il Museo della Magna Grecia di Reggio Calabria, dove le statue verranno custodite. Un successo di pubblico che, a causa dell’insipienza di tante, troppe, persone messe in ruoli apicali, con eccessiva fretta, porta a un calo vertiginoso delle visite presso il Museo, come già avevo documentato in questo post di qualche mese fa.

Da quel post, però, sono cambiate alcune cose significative: i Bronzi di Riace al G8 non ci sono più andati, ma, soprattutto, e nessuno, tranne il professore Daniele Castrizio ne parla, dal 1° ottobre il Museo della Magna Grecia di Reggio Calabria sarà chiuso per un anno, un anno e mezzo, forse due, per lavori di ristrutturazione.

Che ne sarà dei Bronzi di Riace (ma anche delle altre opere esposte)? Ancora è presto, sarà sufficiente pensarci due, al massimo tre, giorni prima della chiusura del Museo…

E se qualcuno dovesse proporre, sacrilegio, una destinazione temporanea per impedire che i Bronzi di Riace restino per mesi abbandonati nella polvere, allora sì che la città avrà un moto d’orgoglio: i sinistri con la sindrome di Calimero, i destri con il complesso del capoluogo di Regione scippato, gli adepti di Grillo, gli alternativi vari (quelli per cui “le regole sono zero” e “lo Stato è oppressore”) e gli pseudo-intellettuali reggini alzeranno la voce, invieranno comunicati stampa, parlando, con sdegno, “dell’ennesima spoliazione ai danni di Reggio”, come avvenuto, qualche mese fa, quando, per un capriccio di Re Silvio, i Bronzi sarebbero dovuti volare a La Maddalena per il G8, spostato poi a L’Aquila, in seguito al terribile terremoto.

E, invece, a distanza di alcuni mesi, sotto l’ombrellone, le categorie di cui sopra potrebbero cominciare a pensare a soluzioni diverse, per non trattare, come si fa da anni, questi due guerrieri, i Bronzi, come degli stronzi (da qui il pessimo titolo).

Ecco, adesso posso chiedere scusa per la mia volgarità.

Annunci

Quando la natura si ribella

aprile 9, 2009

terremoto_abruzzo

Il terribile terremoto in Abruzzo mi ha toccato profondamente. Oltre all’ovvio dolore per le vittime, arrivate, mentre vi scrivo, quasi a 300, c’è, parimenti, la disperazione per i sopravvissuti, persone che, nel giro di trenta secondi hanno perso tutto quello che avevano.

E i tempi, lenti, lentissimi, della ricostruzione, non lasciano intravedere nemmeno un bagliore di ottimismo sulle migliaia di persone colpite, a L’Aquila e non solo, dal sisma.

Al dolore, però, ho fatto seguire una riflessione. Niente di particolarmente illuminante. Qualcosa di cui mi sono già occupato nelle scorse settmane: il “piano-casa” che il Governo Berlusconi ha elaborato.

Il piano casa, infatti, comprende un aumento della cubatura dei palazzi. E l’aumento della cubatura (in altezza o in larghezza) può comportare, mi sembra ovvio, una minore stabilità in caso di catastrofi naturali come quella avvenuta in Abruzzo.

L’Abruzzo è una regione ad alto rischio sismico, ma L’Aquila, come potete vedere, non rientra nella cosiddetta “zona 1” (la più pericolosa, per intenderci). Nonostante ciò, il sisma ha raso al suolo interi paesi, palazzi moderni e quindi, si presume, costruiti o rinforzati secondo le normative antisismiche vigenti. Ha reso inagibili anche edifici come l’ospedale de L’Aquila.

E qui ritorniamo al “piano-casa”: il nuovo progetto del Governo avrà criteri antisismici? Oppure, oltre all’evidente e, a mio avviso devastante, impatto ambientale, produrrà ulteriori rischi sismici, soprattutto in zone addirittura più pericolose, come, per esempio la Calabria?

Come vi ho detto più volte, non sono mai stato, nè lo sarò mai, credo, un “integralista ambientale”. Non mi ossessionano questi temi, ma ho ormai maturato la convinzione che la natura, ciclicamente, si ribelli agli scempi che subisce da parte dell’uomo.

E il terremoto del 1908, dovrebbe farci riflettere sui “corsi e ricorsi storici”.