Posts Tagged ‘ministero dell’istruzione’

Ci aveva già pensato qualcun altro

agosto 13, 2009

berlusconi_bossi

Intelligente?

Macchè.

Educativa?

Macchè.

Innovativa?

Macchè.

La proposta leghista di inserire lo studio del dialetto nelle scuole non è niente di tutto questo: e se per i primi due punti (intelligenza ed educazione) c’è ben poco da dire, dato che qualsiasi persona dotata di senno riuscirà a farsi un’idea sicuramente equilibrata e lineare, sul terzo punto è bene studiare, e fa sempre bene, un po’ di storia.

Sì perchè il dialetto nelle scuole era già arrivato, leggete e tremate, quasi 90 anni fa, nel ventennio fascista!

E’ la celebre Riforma Gentile (dal nome dell’ideatore) a inserire lo studio del dialetto (d’autore) nelle scuole. La Riforma ridimensiona
alquanto l’uso della grammatica e affermava il ruolo positivo dei dialetti.

Con la Riforma Gentile e l’introduzione del dialetto nelle scuole nei primi anni del Ventennio, l’insegnamento del dialetto in classe viene legato al recupero della tradizione folklorica da parte delle maestre e degli alunni, soprattutto della scuola elementare.

Arriva poi un uomo, un certo Benito Mussolini, a cancellare tutto con un colpo di spugna.

“Scusateci abbiamo sbagliato”.

Ma le vie del Signore sono infinite, per cui chi si domanderà: “Ma quest’affaraccio non lo avevamo già liquidato nel corso del Ventennio fascista?

Neanche per sogno: il Governo Berlusconi è il nuovo che avanza!

Insomma, è una proposta che è già stata cassata nei primi anni ’20. I tempi cambiano, direte voi. E’ vero, ma è anche vero che le cazzate sono come i diamanti: per sempre.

Annunci

Il Magnifico concorso

novembre 24, 2008

lettera_tomasello

Franco Tomasello è il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Messina.

Franco Tomasello è stato di recente rinviato a giudizio. Il prossimo 5 marzo si presenterà davanti ai giudici per rispondere dell’accusa di tentata concussione per il concorso che sarebbe stato truccato a Veterinaria per favorire il figlio dell’ex preside Macrì e per due ipotesi di abuso d’ufficio.

Di Franco Tomasello e dell’Università di Messina, ma anche dell’Unical di Cosenza, ha parlato Michele Santoro nel corso dell’ultima puntata di Annozero.

Franco Tomasello è, indiscutibilmente, uno che ricerca il consenso.

Dallo scoppio dello scandalo, condito, peraltro, da diverse intercettazioni telefoniche, il Magnifico Rettore di Messina ha fatto scrivere al proprio ufficio stampa lettere a tutti meno che a Babbo Natale, per certificare, non solo trasparenza e correttezza, ma anche per illustrare gli eccellenti risultati ottenuti dall’Università di Messina negli ultimi anni.

Ah, dimenticavo di dirvi che io sono uno studente dell’Università di Messina, per cui alla mia casella di posta elettronica arrivano i comunicati di InFormazione, giornale web realizzato dagli studenti di Giornalismo.

Dicevo, Franco Tomasello ricerca il consenso. Ecco cosa ha fatto negli ultimi dieci giorni:

  • ha dato mandato ai propri avvocati di adire le vie legali, a tutela della onorabilità e del decoro, propri e della Istituzione che rappresenta, nei confronti degli estensori dei servizi giornalistici che, in questi ultimi giorni fornendo una rappresentazione dei fatti chiaramente deformata, hanno avuto come obiettivo l’Università di Messina e il suo Rettore.
  • ha risposto ad alcuni senatori del Partito Democratico che hanno chiesto al ministro dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini, la sospensione del Rettore di Messina, definendo “Affermazioni infamanti, ingenerose, ancora una volta frutto di una non corretta informazione e soprattutto gravemente offensive, quelle contenute nell’interrogazione presentata da alcuni senatori del Partito Democratico”.
  • ha partecipato alla Conferenza Generale di Ateneo nella quale sono state illustrate le realizzazioni dell’Università degli anni 2004-2008, tramite la divulgazione di dati relativi a reclutamento; misure per la trasparenza; numeri dell’Università; bilancio; ricerca, premialità e merito; servizi per gli studenti; strutture edilizie; relazioni internazionali.
  • ha incassato la solidarietà del Governatore della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo.
  • ha chiesto al ministro Gelmini un’ispezione sugli ultimi dieci anni dell’Università.

Da ultima, oggi, alla mia casella di posta elettronica, è pervenuta un’altra lettera, questa volta a firma proprio del Magnifico Rettore, Franco Tomasello.

Una lettera accorata, indirizzata a noi studenti, in cui il Magnifico si preoccupa per le accuse

infamanti in questo attacco mediatico che ben precise finalità ed una chiara regia interna ed esterna.

E ancora, il Magnifico Rettore Tomasello si traveste da Superman e assicura:

Gli organi accademici non si faranno intimidire da questi giochi di potere vetero-integralisti… L’Università è al vostro fianco e farà di tutto per farvi essere fieri della vostra appartenenza.

Adesso mi sento più tutelato e, una volta laureatomi in Lettere Moderne, farò un concorso a Veterinaria.

E io pago!

novembre 8, 2008

unime

I tagli della bella Ministra dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, cominciano a farsi sentire: visitando il sito dell’Università degli Studi di Messina, www.unime.it, oltre a riportare alla mente l’esistenza del monoscopio (era da un po’ che non lo vedevo), apprendo che il suddetto portale, sarà offline fino alla mattina di lunedì, causa assenza di corrente elettrica.

E io pago!