Posts Tagged ‘omicidi’

Gli imperatori

gennaio 14, 2009

cesare_battistiadriano_sofri

Eh vabbè, andiamo avanti così…

Cesare Battisti è un rifugiato politico, il lottatore continuo Adriano Sofri, è un intellettuale…

Nessuno che dica la verità.

Che sono degli as-sas-si-ni.

Hanno il nome di due imperatori: Cesare (considerato da alcuni storici il primo imperatore romano, pur non avendo mai ricevuto il titolo) e Adriano.

Sono Cesare Battisti e Adriano Sofri.

Il governo brasiliano non ha concesso l’estradizione per Cesare Battisti, da tempo rifugiato tra mare, culi e chicchi di caffè.

Il ministro della giustizia brasiliano, infatti, pensa che in Italia sussista un concreto timore di persecuzione nei confronti di Battisti.

E in Francia, dove Battisti è considerato un guru, c’è chi pensa che una sua eventuale detenzione sarebbe un mero atto repressivo.

Detenzione, quella che Cesare Battisti meriterebbe di scontare in Italia.

Ricordo a me stesso e a voi che Cesare Battisti, ex componente dei PAC (Proletari armati per il comunismo) è condannato in via definitiva per quattro omicidi:

6 giugno 1978 a Udine, Antonio Santoro, maresciallo della Polizia penitenziaria; omicidio di cui fu l’esecutore materiale.

16 febbraio 1979 a Santa Maria di Sala, (VE), Lino Sabbadin, macellaio di Mestre; Battisti fece da copertura armata all’esecutore materiale Diego Giacomini.

16 febbraio 1979 a Milano, Pierluigi Torregian, gioielliere; omicidio per cui Battisti fu condannato come co-ideatore e co-organizzatore.

19 aprile 1979 a Milano, Andrea Campagna, agente della DIGOS; omicidio di cui fu l’esecutore materiale.

Ma, questo, al governo brasiliano, non sembra importare.

Ora si capisce perchè il Brasile sia famoso, soprattutto, per le belle donne e i calciatori.

Discorso diverso, ma stessa natura umana, merita il lottatore continuo Adriano Sofri.

Condannato insieme a Ovidio Bompressi e Giorgio Pietrostefani per l’omicidio del commissario di polizia Luigi Calabresi, avvenuto il 17 maggio del 1972 a Milano, si è sempre detto innocente.

Proprio alcune settimane fa, in occasione dell’uscita del suo ultimo libro, ha, invece, ammesso, di essere colpevole dal punto di vista “morale”, ma non sotto il profilo giudiziario.

Si sa, ai sinistri piace la filosofia.

Fatto sta che Cesare Battisti resterà in Brasile, mentre Adriano Sofri continuerà a giocare a fare l’intellettuale.

Siamo nel Paese in cui, presso l’università La Sapienza di Roma, non si vuole la presenza del Papa, mentre si invitano i terroristi (è il caso di Valerio Morucci, visita poi annullata).

L’ho scritto così, riflettendoci, ma di getto. Anche per non parlare sempre di ‘ndrangheta.

Annunci

Esercito italiano: una risorsa per il Paese

gennaio 3, 2009

esercito

Dino Tricarico, ex capo di Stato maggiore dell’Aeronautica militare, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, a proposito dei presidi militari nei pressi delle discariche in Campania dichiara che “Questa storia dei militari a guardia delle discariche mi è sembrata fin dal primo momento un’iniziativa sbagliata. E ora devo proprio dirlo: stiamo umiliando i soldati e distruggendo la loro professionalità”.

Stiamo umiliando i militari.

Ma la gente si sente più sicura, dice, giustamente, Marco Nese del CorSera. La risposta di Tricarico: “E questo è un rischio. L’opinione pubblica si sta abituando a un impiego tutt’altro che ortodosso e le istituzioni si sentono legittimate a utilizzare lo strumento militare in modo sempre più abnorme. Siamo il Paese delle emergenze, e domani i soldati potrebbero essere chiamati a vigilare attorno alle carceri, a tenere sotto controllo gli stuoli di clandestini, a proteggere obiettivi di ogni tipo. Ma non sono questi i motivi per i quali ci siamo dotati di forze armate professionali”.

Tricarico vorrebbe, magari, che i militari stessero di guardia, come a Guantanamo, e che tenessero sempre sotto osservazione il loro “specchio” di nazionalità cubana e, sotto certi aspetti, avrebbe pure ragione. In condizioni normali l’esercito non dovrebbe, anzi, non deve, ricoprire compiti di pubblica sicurezza.

E però, sul sito ufficiale dell’esercito italiano lo slogan è il seguente: “una risorsa per il Paese”.

E inoltre la Campania è una terra molto particolare, la terra che, insieme alla Calabria, condivide, sul territorio, la più grave e marcata perdita di sovranità, da parte dello Stato, dai tempi delle stragi in Sicilia.

In quel caso, per ristabilire le gerarchie, fu inviato l’esercito con l’operazione “Vespri siciliani”.

Non sono assolutamente in grado di dare lezioni, anche per questo cerco sempre di usare toni spiccioli. Ma questa volta voglio fare un’eccezione.

La citazione è tratta dal volume “Elementi di geografia economica e politica” di Mario Casari, Giacomo Corna-Pellegrini e Fabrizio Eva, ed. Carocci: “La sovranità viene concepita generalmente come un legame forte e reale col territorio su cui si esercita. L’esercizio della sovranità deve dunque trovare una forma concreta nel e sul territorio. Quando una legge dello stato non viene rispettata da pochi singoli individui, ci si trova di fronte a una situazione di illegalità; ma quando le leggi trovano una sistematica e diffusa disapplicazione, si parla di perdita di sovranità dello Stato sul proprio territorio”.

Mi soffermo, in particolare, sull’ultima frase, quella in grassetto.

In Campania le infiltrazioni della camorra in ogni settore (anche in quello dei rifiuti) sono certificate dall’attività investigativa di magistratura e polizia. La perdita di sovranità, invece, è testimoniata dalla cadenza, pressocchè giornaliera, di crimini e omicidi. In Campania la legge non la detta più lo Stato, se pensiamo che alle forze dell’ordine è persino inibito l’accesso a determinati quartieri.

E in Calabria?

In Calabria la situazione è, all’incirca, la medesima.

In ordine sparso, negli ultimi giorni del 2008 e nei primi del 2009, abbiamo registrato un agguato a Bovalino che ha coinvolto anche un minorenne, il duplice omicidio di Cutro, in provincia di Crotone, l’omicidio di un imprenditore a Isola Capo Rizzuto, l’intimidazione alla giornalista di Calabria Ora, Angela Corica, a Cinquefrondi, e, da ultimo, un giovane, nel catanzarese, è stato picchiato a sangue e bruciato vivo e adesso lotta, in condizioni gravissime, tra la vita e la morte.

Senza contare, ovviamente, le decine di vetture che, in tutta la Calabria, prendono fuoco ogni notte, nonchè le continue intimidazioni subite dagli amministratori pubblici (l’ultima, dal punto di vista cronologico, è l’ennesima minaccia subita dal sindaco di Taurianova, Romeo).

Io non me ne intendo, ma, seguendo la logica, una situazione del genere, in Campania, quanto in Calabria, dovrebbe imporre la scelta, per lo Stato, di mostrare nuovamente i muscoli, almeno per tentare di porre rimedio alle numerose “emergenze” presenti nel Meridione.

Sarà un’idea vagamente fascista, ma, alla luce di quanto vi ho descritto e tutto quello che già sapete, mi sento di ribadire e rilanciare la mia linea di pensiero, che ho già espresso tante volte su questo blog: militarizzare immediatamente le “zone calde” del Sud. Palermo, Napoli, Caserta, Reggio Calabria, la Piana di Gioia Tauro, Crotone e tutte le aree su cui lo Stato, allo stato attuale, è costretto a “chiedere permesso” prima di entrare.