Posts Tagged ‘renato cortese’

Agenda – A Cittanova ricordando Giovanni Falcone

maggio 23, 2009

AT23mag09_locandinaDEF[1]

Diciassette anni fa, a Capaci, perdevano la vita i magistrati Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo, e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Di Cillo, Antonio Montinaro.

Oggi sarò a Cittanova a moderare l’incontro-dibattito “Per non dimenticare l’eredità di Giovanni Falcone”, organizzato dal movimento “Ammazzateci tutti” e dalla Fondazione Antonino Scopelliti. Oltre ad Aldo Pecora e Rosanna Scopelliti, interverranno Salvatore Boemi, ex magistrato, attuale Commissario della Stazione Unica Appaltante della Regione Calabria, Renato Cortese, capo della Squadra Mobile di Reggio Calabria, Rocco Lentini, giornalista e storico, Presidente Istituto “Ugo Arcuri”. Nel corso dell’incontro verrà proiettato anche un video-messaggio di Maria Falcone, moglie del magistrato ucciso diciassette anni fa.

Annunci

Pietro il silenzioso

dicembre 28, 2008

L’oroscopo di Paolo Fox non prevede un gran 2009 per Pietro Criaco.

E nemmeno un buon 2010, 2011, 2012, ecc.ecc.

La mia cronaca “seria” la potete leggere qui. 

Ma il blog serve anche a fare un po’ gli scemi: vi basti sapere, allora, che anche in questo caso TeleCordova c’era. Come avvenuto in occasione dell’arresto di Giuseppe De Stefano vi propongo un breve video.

Niente di paragonabile all’ormai celeberrimo “Ciao belli” di Giuseppe De Stefano. Pietro Criaco, occhialini alla Harry Potter, esce dalla Questura di Reggio Calabria in silenzio, capo chino. Almeno in questo manifesta un minimo di decenza.

Dicevo, il video non è particolarmente esilarante, ma ormai l’ho girato… E a TeleCordova “nun se butta niente”.

Pietro Criaco è stato arrestato dalla Polizia di Stato, come Giuseppe De Stefano.

Si trovava in casa, come Giuseppe De Stefano.

Abitava all’ultimo piano, come Giuseppe De Stefano.

Aveva in sua compagnia la famiglia, come Giuseppe De Stefano.

E’ stato coperto da una rete di favoreggiatori, come Giuseppe De Stefano.

A tal proposito, per la famiglia Mollica, che ha permesso la latitanza del Criaco, auspico pene esemplari.

Come dite?

Troppo severo con i Mollica?

Forse sì. In fondo sono dei pezzi di pane…

 

 

Sono il solito imbecille.