Posts Tagged ‘roberto benigni’

San Franco Tricoli

ottobre 19, 2008

Franco Tricoli non si pente: lo dice ad Attilio Bolzoni per www.repubblica.it

Come Roberto Benigni in Johnny Stecchino.

Sì, solo che l’ingenuo Dante, sosia del mafioso Johnny Stecchino, equivocando un discorso molto più complicato, non si pentiva di aver rubato una banana presso l’ortolano Nicola Travaglia.

Franco Tricoli, ex procuratore capo di Crotone, non si pente di essere diventato, tramite un trust, “il garante dei beni” (come vuole essere chiamato) di Raffaele Vrenna, ex presidente del Crotone calcio, ex presidente di Confindustria Crotone, ex vicepresidente regionale di Confindustria, condannato in primo grado per mafia. No Franco Tricoli, che dal primo giorno di pensione si è stretto in un tenero abbraccio professionale col Vrenna, non si pente; d’altronde, durante la propria attività presso la Procura della Repubblica di Crotone ha avuto, per tanti anni, come segretaria, la moglie di Raffaele Vrenna, Patrizia Comito.

Tutto mentre, nella stanza accanto, un sostituto procuratore indagava proprio sul Vrenna…

Ma Franco Tricoli, come Roberto Benigni, non si pente. Eh già, lui è un benefattore, lui cura gli interessi di Raffaele Vrenna solo per salvare 700 posto di lavoro.

Come può pentirsi!?!

700 posti di lavoro! Mica cazzi!

Secondo questo ragionamento, i boss di mafia, ‘ndrangheta, camorra, che di posti di lavoro ne danno molti di più, sono degli ottimi sindacalisti.

No, Franco Tricoli, che è un benefattore, non si pente, si tiene ben stretta la vigilanza accordatagli dal Prefetto, però poi contesta la decisione, della stessa Prefettura, di revocare il certificato antimafia alle società che gestisce per conto terzi.

Il terzo in questione è il “sindacalista” Raffaele Vrenna.

Annunci